Senza impegno

Gonna di jeans
Nasino all’insù
Le smorfie buffe che fai
La mmaglia che hai
Le gambe che hai
Ma che tipino che sei
Che voglia che ho
Di stringerti a me
Ma senza impegno però
Dai pensaci su
Non voglio di più
La notte intera insieme a te
Shu uappa sciappau sciappau
Sciappa sciappau sciappau
Ora che fai
Il muso tra noi?
Ti sembra il caso ma dai
E’ andata così
Però guarda un po’
Ci avrei scommesso su di te.

Sola in due

Quanti giorni fra noi due
mai una parola,
troppo tempo adesso penso
“una donna sola cosa fa?”,
è una farfalla che non può volare.
Stanca di ascoltare i tuoi silenzi,
stanca di sognare chi non c’è,
voglia di morire in quei momenti
che pensi per te,
guardo in alto la tappezzeria
sembra scolorita, chi lo sa,
forse è un’impressione solo mia
di chi amore non ha,
quando mi si sciolgono le mani
in una carezza verso te,
tu brontoli così: “domani”,
domani forse ti dirò di no.
Stanca di morire piano piano,
stanca di volere solo te,
voglia di sentire quel profumo
di un uomo con me,
e pensare che tu sei vicino,
sento il tuo respiro contro me,
ma tu dormi, sei come un bambino
che pensa per se,
provo ancora a sciogliere le mani
in una carezza verso te,
tu brontoli così: “domani”,
domani forse ti dirò di no,
tu brontoli così: “domani”,
domani forse ti dirò di no.

Sotto le stelle

Che bellezza stasera nel cielo,
che nottata d’amore e d’incanto,
canta il cuore e nell’aria il mio canto
cerca e chiama da sola Marì,
tutti stanno a far l’amore e io sto qui
solo e soffro così…
Mi voglio addormentar
col bacio delle stelle
e poi vorrei sognar
mille boccucce belle,
io sogno te, Marì
lì sotto ‘a Madunnella,
tu che mi fai soffrì,
io sogno te, Marì.
M’accarezza la luce d’argento
e dal cielo mi guarda una stella,
io che cerco la bocca più bella
soffro e chiamo, ti voglio Marì,
dal mio canto appassionato puoi capì
la tristezza, Marì…
Mi voglio addormentar
col bacio delle stelle
e poi vorrei sognar
mille boccucce belle,
io sogno te, Marì
lì sotto ‘a Madunnella,
tu che mi fai soffrì,
io sogno te, Marì.
Tu che mi fai soffrì,
io sogno te, Marì.

Tango di casa mia

Il tango di casa mia
profuma l’aria come una pansé
è un tango di periferia
e porta prati verdi accanto a me
soltanto poche note scritte con amor
soltanto dei ricordi del mio cuor
il tango di casa mia
voglio cantare per te.
Tango, tango, tango di casa mia
suonato da un sassofono
ballato in compagnia.
Tango, tango, tango di casa mia
amico del passato
che torna insieme a te.
Il tango di casa mia
si balla senza mossa, né casquet,
è un tango di periferia
più semplice di questo non ce n’è
ascolta questo tango stretto sul mio cuor
ascolta batte a tempo col mio cuor
il tango di casa mia
voglio ballare con te,
per te.

Topolino piccolo

Nel mio quartiere non c’è un ragazzo
che non ha messo gli occhi su me,
io consapevole, sai, lascio fare
ma poi, guarda tu e vedrai,
sono tremenda lo so,
sono tiranna lo so,
ma se non voglio non do
e se insisti e mi vuoi sono fatta così.
Io la montagna grande e tu,
tu topolino piccolo,
poi le montagne crollano
e anche i topi ballano.
La gelosia non è una folle malattia,
un problema per me,
io al di sopra di ciò guardo il mondo
e non fò una grinza perché,
sono tremenda lo so,
sono tiranna lo so,
ma quando voglio io do
e se insisti e mi vuoi forse un giorno mi avrai.
Io la montagna grande e tu,
tu topolino piccolo,
poi le montagne crollano
e anche i topi ballano.
Sono tremenda lo so,
sono tiranna lo so,
ma se non voglio non do
e se insisti e mi vuoi sono fatta così.
Io la montagna grande e tu,
tu topolino piccolo,
poi le montagne crollano
e anche i topi ballano.
Io la montagna grande e tu,
tu topolino piccolo…

Un grande addio

Tu che sei stato sempre re
nelle tue follie,
tu grande in tutto come sei,
dammi un addio grande
per far scordar la gente
che cambia quando se ne va.
Dimmi,
non è il mio cuore che non vuol più
danzare insieme a te,
dimmi che la vita è stupida,
a te crederò.
Non cadere anche tu
dentro nei “ti ho dato gli anni miei”,
dentro nei “mi hai dato quel che sai”,
no, non farlo tu.
Tu che sei stato sempre re
dammi un grande grande addio,
un addio uguale a te,
dammi un grande grande addio,
un addio uguale a te.

Va speranza va

Portami quando è sera
Come la prima volta che t’ho incontrato
Stretta nelle tue mani
Là dove il fiume ha visto il primo amore
Avevo quindici anni
E le tue mani strinsero i miei capelli
E quanti baci ho dato
Come se mi sentissi che te ne andavi
Va speranza va
Per chi non tornerà mai più
Va e non fermarti
Non tornare più da me
Lui mi amava
Lui mi amava
Mi ha amato e non è più qui con me
Quando nella mia casa
C’era quella atmosfera di chi vuol bene
Tu m’hai cambiato il mondo
Tu mi hai creato un volto che non avevo
Avevo quindici anni
E le tue mani strinsero i miei capelli
E quanti baci ho dato
Come se mi sentissi che te ne andavi
Va speranza va
Per chi non tornerà mai più
Va e non fermarti
Non tornare più da me
Lui mi amava
Lui mi amava
Mi ha amato e non è più qui con me
Lui mi amava
Lui mi amava
Mi ha amato e non è più qui con me.

Dolce abitudine

Io devo dirlo devo dirtelo
Anche se domani sarò solo
Non ne posso più di te
E di quel carattere che hai
Ma quante volte ci ho provato io
Di dire basta e andare via
Io l’ho voluto io è inutile
Anche se domani piangerò
Nessuno nessuno nessuno
Sopporta i capricci che fai
Nessuno nessuno nessuno
Può darti l’amore che vuoi
Nessuno nessuno nessuno
Può direi i difetti che hai
Nessuno nessuno nessuno
Saprà cosa è stato tra noi
E ricomincia l’esistenza mia
Senza rimpiangere il passato
Correre finalmente liberi
Regalando amore a chi sarà
Nessuno nessuno nessuno
Sopporta i capricci che fai
Nessuno nessuno nessuno
Può darti l’amore che vuoi
Nessuno nessuno nessuno
Può direi i difetti che hai
Nessuno nessuno nessuno
Saprà cosa è stato tra noi.

Scarafaggi

Mi hanno preso a pugni
mi hanno fatto confessare
e così sono qui
è una gabbia il braccio 27
non si può dormire
non si può dormire
non si può…
Ogni notte a mezzanotte scarafaggi
me li sento camminare tra le dita
mi vien voglia di pestarli ma poi no
sono buono con gli amici miei.
Ogni notte a mezzanotte scarafaggi
son simpatici mi fanno compagnia
ce n’è uno che ogni tanto salta su
mi domanda: “Allora, come va?”
Ma come vuoi che vada a me
se devo stare qui
se c’è mia moglie che non mi perdona
non la vedo mai
non la conosco più
tu sei tranquillo
la tua donna è lì vicino a te.
E’ una gabbia il braccio 27
non si può dormire
non si può dormire
non si può…
Ogni notte a mezzanotte nel silenzio
tra le mura si confondono i sospiri
mi vien voglia di rispondere ma no
questa volta non risponderò.
Ogni notte a mezzanotte penso a lei
sono un uomo, voi capite sono un uomo
poi rivedo qui davanti agli occhi miei
quel ragazzo che piaceva a lei
lo vedo entrare in casa mia
lui spenge la tv
lei prende una bottiglia e due bicchieri
poi non vedo più
e mi ritrovo qui
la notte è lunga, scarafaggi non andate via,
amici miei
scarafaggi non andate via.
E’ una gabbia il 27
non si dorme, non si può dormire, non si può…

E poi e poi

Li riconosci si
Son proprio i passi tuoi
Sei già dietro la porta
Ma ti fermi bussi delicatamanete e poi
Rimani fermo li
Mi guardi per un po’
Piangendo io ti dico
Ma puoi prendermi ti voglio veramente sai
Vaghiamo con la mente
Giochiamo con le mani
Il buio ci permette
Di toccare solamente i nostri corpi e poi
Amore tu l’hai detto
Ma troppo facilmente
È questo che mi rende
Un’infelice dentro il cuore e la mente
E poi capire sai
S’è importante una carezza o no
S’è emozione
O la paura che
Poi qualcuno possa
Ridere di te.