Domani domani

Domani domani
Ti faccio un regalo
Ti rendo di nuovo
La tua libertà
Ti libero il cuore
Così volerai
E io farò a meno
Del poco che dai
Domani domani
L’amore mi scopre
Sprovvista di cose
Da dire per te
Un’altra emozione
Ognuno vivrà
Saremo lontani
Domani
Dopo te, nella mente, spazi liberi
Senza te, vedrai, vivrò
Dopo me, dentro al cuore canterai
Ballerai, piangerai
Domani domani
Divento un’amica
Ma quanta fatica
Per stare con te
La rabbia e l’amore
Finisce tra noi
Saremo lontani
Domani
Ti sciolgo le mani
Così volerai
E poi farò a meno
Del poco che dai
Domani domani
L’amore mi scopre
Sprovvista di cose
Da dire per te
In fondo il mio cuore
Un po’ soffrirà
Ma è certo che indietro
Io non tornerò
La rabbia e l’amore
Finisce tra noi
Saremo lontani
Domani.

Gianna

Gianna Gianna Gianna
sosteneva tesi e illusioni
Gianna Gianna Gianna
prometteva pareti e fiumi
Gianna Gianna
aveva un coccodrillo e un dottore
Gianna
non perdeva neanche un minuto per fare l’amore.
Ma la notte la festa è finita
evviva la vita
la gente si sveste
comincia un mondo
un mondo diverso
ma fatto di sesso
chi vivrà vedrà.
Gianna Gianna Gianna
non cercava il suo pigmalione
Gianna
difendeva il suo salario dall’inflazione
Gianna Gianna Gianna
non credeva a canzoni o U.F.O.
Gianna
aveva un fiuto eccezionale per il tartufo.
Ma la notte la festa è finita
evviva la vita
la gente si sveste
comincia un mondo
un mondo diverso
ma fatto di sesso
chi vivrà vedrà.
Ma dove vai
vieni qua
ma che fai
dove vai
con chi ce l’ hai
vieni qua
ma che fai
dove vai
con chi ce l’ hai
di chi sei
ma che vuoi
dove vai con ci ce l’ hai
butta là vieni qua
chi la prende e chi la dà
dove sei
dove stai
fatti sempre i fatti tuoi
di chi sei ma che vuoi
il dottore non c’è mai…

Il buio e tu

Tu distesa accanto a me
Sapessi che follia
Ti accarezzo mentre so
Che non sei stata mia
Un gioco in più
Il buio e tu
Mi regali il tuo segreto
Senza convinzione
D’altra parte posso averti
A questa condizione
Non volo più
Il buio e tu
Nell’arco di un istante te ne vai
E chi ti lasci dietro non lo sai
Spalanchi le tue braccia come se
Corressi incontro a un sogno che non c’è
Io nun ce ‘a faccio cchiu
Lassame perdere
Se sei contenta tu
Lassame perdere
Distruggere la nostalgia
È facile amica mia
Respirando queste notti
Da buttare via
Ho accettato di morire con filosofia
Il buio e tu
Non basta più
Nell’arco di un istante me ne andrò
E chi mi lascio dietro non lo so
Spalanco le mie braccia come chi
Si è proprio rotto di restare qui
Io nun ce ‘a faccio cchiu
Lassame perdere
Se sei contenta tu
Lassame perdere
Distruggere la nostalgia
È facile amica mia.

N’addore ‘e castagne

’N addore ’e castagne pe’ l’aria nevosa,
’na strada, ’na casa, ’na scola e ’na chiesa,
’o cunto coi libri avevo già chiuso,
alà steva ’a strada, la scola e la chiesa.
Ancora co ’e trecce passava ’a matina
e io puntualmente ’a guardava luntano,
sentevo ’na smania passa’ dint’e vvene,
’na febbre che piglia e nun salva niscuno.
E me dicette sì, quindic’anni e l’ammore e che vvo’ di’,
me strigneva ’a mano comme me dicesse
“Nunn aspetta’ dimane”.
E io tremavo sì,
quindic’anni ma che ssondo pe’ capi’,
poi improvvisamente le dicette “Siente,
nun t’aggio ditto niente”.
’N addore ’e castagne pe’ l’aria nevosa,
’na femmena bionda appuggiata a ’na casa,
dicette “Mi vuoi” co ’o stesso surriso
di quanno passava pe ’a scola e pe ’a chiesa.
Ed io fumavo, sì,
la tempesta dint’o core, quello sì,
poi improvvisamente, senza ’na parola,
scappaie senza di’ niente.
Io tremavo sì,
’na tempesta dint’o core, quello s’ì,
poi improvvisamente, senza ’na parola,
scappaie senza di’ niente.

Ora

Ora che sono sola
Rimpiango poche cose (ora, sola)
Ho ancora nella mia pelle (ora, sola)
L’ultima volta insieme
Ora che sono sola (ora, sola)
Sfinita senza amor (ora, sola)
Dovrò ricominciare
Ora, libera ancora, più grande ora
Sorriderò a chi voglio io
Ora, tenera ora, più viva ora
Rinascerò per conto mio
Ora, ora, ora
Ora che sono sola (ora, sola)
Ho forse un po’ paura (ora, sola)
Di riprovarci ancora
Ora, libera ancora, più grande ora
Sorriderò a chi voglio io
Ora, tenera ora, più viva ora
Rinascerò per conto mio
Ora che sono sola
Sola, ora che sono sola
Ora che sono sola
Sola, ora che sono sola
Ora che sono sola
Sola, ora che sono sola.

Quando Teresa verrà

Un cespuglio di pensieri nella testa,
l’aria triste della sera,
cento macchine che non mi fan dormire,
che senza luce io non so stare,
quando Teresa verrà
qui tutto cambierà.
Ho cambiato quasi tutti i mobili
e dato il bianco alle pareti
e di fiabe mi son letto libri interi,
ho meno fantasia di ieri,
quando Teresa verrà
qui tutto cambierà.
Questa sera c’è lei,
questa sera c’è lei
e anche il gatto si sveglierà,
arriverà con mille idee
e un cesto di lealtà,
e c’è lei, e c’è lei,
questa sera c’è lei
e qualcosa succederà,
lei che mi chiede, lei che mi da,
ma tutto in libertà,
quando Teresa verrà,
quando Teresa verrà,
quando Teresa verrà,
qui tutto cambierà.
L’accoglienza questa volta sarà grande,
fiori gialli, cioccolata,
getterò dalla finestra ogni amarezza
per regalarle un bel sorriso,
quando Teresa verrà
qui tutto cambierà.
Questa sera c’è lei,
questa sera c’è lei
e anche il gatto si sveglierà,
arriverà con mille idee
e un cesto di lealtà,
e c’è lei, e c’è lei,
questa sera c’è lei
e qualcosa succederà…

Soli

Tu perché non saluti più
Dimmi che non m’ami più e triste me ne andrò
Mentre un altro tu avrai
E ti rispoglierai
Dimenticando che ti amo
Soli un minuto ancora e poi
Saremo soli
E dentro noi restano fiumi
Di sale woh woh woh
Soli un minuto e poi
Ti lascerò dormire
Però domani se mi vuoi bene
Mi chiami
Tu i capelli biondi tuoi
Io non li accarezzo più
E solo dormirò woh woh woh oh
Soli un minuto ancora e poi
Saremo soli
E dentro noi restano fiumi di sale
Soli ma lontani siamo soli
Più di prima
E in questa stanza le mie guerre
Di Anzio
Ed io guerriero qui muoio
Soli saremo soli
Però domani se mi vuoi bene
Mi chiami
Soli ma lontani siamo soli
Più di prima
E in questa stanza
Le mie guerre di Anzio
Soli ah ah.

Tu sola

Io mi sentivo di essere un uomo felice con te
Tu sola come nessuno sapevi capire perché
Ma come un gioco ti perdo e guardarti che male mi fa
Perché se devo lasciarti l’amore più senso non ha
Tu, solo tu
E non pensare a niente facile sarà
Tu, solo tu
Domani nella mente un’altra, chi lo sa
Stasera stammi vicino, ti prego, rimani con me
Tu sola come nessuno puoi farmi restare con te
Ma come un gioco ti perdo e guardarti che male mi fa
Perché se devo lasciarti l’amore più senso non ha
Tu, solo tu
E non pensare a niente facile sarà
Tu, solo tu
Domani nella mente un’altra, chi lo sa
Domani nella mente un’altra, chi lo sa.

Un amore

Il mio amore
nasce piano senza far rumore
cresce dentro dolcemente
senza farmi troppo male,
lentamente col suo caldo sapore.
Il mio amore
serve per cacciare via la noia
quando non sai più che fare
per scaldarti un po’ nel letto
puoi cercare
puoi chiamare
questo amore.
Un amore per cantare
un amore per sorridere e soffrire
un amore per sognare
un amore per poi vivere o morire.
Sei il mio amore
fosse il vento sarebbe un uragano
strapperebbe le radici
di quel male che c’è in te
per lasciarti solamente questo amore.
Un amore per cantare
un amore per sorridere e soffrire
un amore per sognare
un amore per poi vivere o morire.
Un amore…

Un’emozione da poco

C’è una ragione che cresce in me
e l’incoscienza svanisce
e come un viaggio nella notte finisce
dimmi dimmi dimmi che senso ha
dare amore a un uomo senza pietà
uno che non si è mai sentito finito
che non ha mai perduto
mai per me per me una canzone
mai una povera illusione
un pensiero banale qualcosa che rimane
invece per per me per me più che normale
che un’emozione da poco
mi faccia star male
una parola detta piano basta già
ed io non vedo più la realtà
non vedo più a che punto sta
la netta differenza fra il più cieco amore
e la più stupida pazienza
no, io non vedo più la realtà
né quanta tenerezza ti dà
la mia incoerenza pensare che
vivresti benissimo anche senza
c’è una ragione che cresce in me
e una paura che nasce
l’imponderabile confonde la mente
finché non si sente
e poi per me più che normale
che un’emozione da poco mi faccia star male
una parola detta piano basta già
ed io non vedo più la realtà
non vedo più a che punto sta
la netta differenza fra il più cieco amore
e la più stupida pazienza
no, io non vedo più la realtà
né quanta tenerezza ti dà
la mia incoerenza pensare che
vivresti benissimo anche senza.