Barbara

Tentami
Toccami con l’alito
Fammi un caldo in più
Dolce tu per tu
Rubami
Con le trecce allacciami
C’è più smania in noi
Che dall’onda in poi
Tienimi
Tra le mani e l’anima
Fammi un male tenero
Fantasiosa è Barbara
Ho freddo in mano
Ti tocco piano piano
Ho freddo e ho pianto
Mi faccio accanto accanto
Ho freddo al braccio
Ti bevo goccia a goccia
Ho freddo ancora
Il freddo m’innamora
Barbara
Rapinosa assalimi
Scioglilo per noi
Quel tuo senso in più
Morbida
Diavola che scivola
Con un fuoco in più
Notte accesa tu
Fondilo
Il mio cuore è zucchero
Rosso con le mandorle
Rapinosa mordilo
Ho freddo in bocca
La bocca tua è albicocca
Ho freddo al naso
La bocca tua è di raso
Ho freddo al collo
In bocca a te è più bello
Ho freddo ancora
Il freddo m’innamora
Ho freddo ancora
Barbara
Barbara
Barbara
Barbara
Barbara.

Talismano nero

Nero talismano
Non è oro quel che dai
Chi ti tiene in mano
Perde il cuore e tu lo sa
Vecchio ciarlatano
Il tuo flauto è rotto
E il tuo canto indiano
Suona false verità
Dal tuo talismano
Neanche un fiore nascerà
E lui non è la fortuna
E il cielo non è la luna
E lui non l’altipiano dei sogni
Tu non sei che un mercante di regni perduti
E il nero, il nero, il talismano
Non può comperare la felicità
E il nero, il nero, il talismano
è ottone dorato col peso di piombo
Diamante di vetro di luce dipinto
E il nero, il nero, il talismano
E il nero, il nero, il talismano
Nero talismano
Elisir di povertà
Chi ti tiene in mano
Perde il cuore e non lo sa
E tu sei l’erba cattiva
Tu sei la notte che arriva
Tu sei la vendita da banco dei pegni
E chi ti offre è un viandante di strade smarrite
E il nero, il nero, il talismano
Non può comperare la felicità
E il nero, il nero, il talismano
è ottone dorato col peso di piombo
Diamante di vetro di luce dipinto
E il nero, il nero, il talismano
E il nero, il nero, il talismano
è ottone dorato col peso di piombo
Diamante di vetro di luce dipinto
E il nero, il nero, il talismano
E il nero, il nero, il talismano.

Tu fai schifo sempre (1979)

Certe volte mi chiedo se sto sognando
Possibile che tu abbia scelto me come l’uomo della tua vita
Io una persona così insignificante vicino a te che sembri una stella
Che sei una stella perché tu sei bella, tu sei fragile, sei un fiore
Ecco sei un fiore
Scetate guagliò
Tu fai schifo sempre
Da mattina a sera
Fai schifo sempre
Quan scendi le scale
Fai schifo sempre
Quan leggi ‘o giurnale
Fai schifo sempre
Fai schifo sempre
Tu si nu’ fiore profumato
Tu si na rosa, tu si nu guaie
Ma pecché nun te vaie
Tu fai schifo semp
Tu comunque te vieste
Fai schif semp
Te prepare ‘pa’ festa
Fai schif semp
Si t’affacci a fenesta
Fai schifo sempre
Fai schifo sempre
Tu tiene a cocca ca è chiu’ doce e ‘na cerasa
Tu si nu guaie
Ma pecché nu muore maie
Quanno te penso
Sento nu brivido Nennè
Quanno te veco me vota e stomaco
E sai pecché, pecché
Tu fai schifo sempre
Da mattina a sera
Fai schifo sempre
Quan scendi le scale
Fai schifo sempre
Quan leggi ‘o giurnale
Fai schifo sempre
Fai schifo sempre.

Bimba mia

Bimba mia
Non far quel muso
A che ti serve
Quando hai deciso
Se parlo io
Anche se addosso
Mi piango e rido
Ma io ci credo
Che tu sia triste un po’
Anche per me
Bimba mia
Ti si legge in viso
Che tu ti stai
Di un altro innamorando
Ma non sbagliare
Non far la scema
Come me che ho perso tutto sai
Per presunzione
Superficialità
Verso di te
Ma bimba mia
Amica mia
Se da sola
Tu parlerai di me
E fatti avanti
Non pensarci un anno dai
Che dell’orgoglio
Io ne ho fatto il pieno ormai
Proprio quest’oggi
Che più ti perdo
E più ti amo
Bimba mia
Amica mia.

C’era una atmosfera

No non c’era quella sera
Proprio niente di speciale ma poi
Come un lampo a ciel sereno
Io ti vedo e poi ti chiedo, mi vuoi
Poi sorprende un po’ anche me
La risposta che tu dai
Vieni stiamo insieme
Ho una certa idea lo sai
C’era un’atmosfera così
Sì proprio c’era quella sera tra noi
Sì proprio c’era un’atmosfera per tentare di più
Poi la mano nella mano
Con la mente vado ancora più in là
Ti sorrido e col pensiero già mi vedo avventuriero
E playboy
Mi sorprende ancor di più di trovarmi in zona poi
Casa mia è già qui
Vieni, sali è fatta ormai
C’era un’atmosfera così
Sì proprio c’era quella sera tra noi
Sì proprio c’era un’atmosfera per tentare di più
Ma che gran sorpresa
Voci in casa ma chi è mai
C’eran già gli amici
A far baldoria senza noi
C’era un’atmosfera ma poi
Sì proprio c’era quella sera tra noi
Così finì quell’atmosfera
Un po’ speciale di una sera tra noi
Così finì quell’atmosfera
Un po’ speciale di una sera tra noi.

Ciao Barbarella

La notte vive
La notte muore
Ed io assomigliavo a un robot
Lei si spogliava e mi diceva
Guardandomi di sbieco da sotto i capelli
Con quei suoi occhi strani né brutti né belli
Acquario, sagittario, se l’amore è così
Ciao Barbarella
La luna è lontana da me
Buona fortuna
Se riesci a trovarla, se c’è
Ciao Barbarella
Ti lascio sul cuore una dedica
Fa meno freddo a star soli
In un giorno che nevica
Ciao Barbarella
Non riesco a seguire il tuo passo
Ma una forchetta e un cucchiaio
Si incontrano spesso
Labbra d’argento
Mi hai messo dei buchi nell’anima
Io mi porto dentro l’emozione e il vento
Piccola Barbara
Mi svegliai come un gatto perso in una stanza
Ascoltavo in silenzio mentre il buio danza
E ancora fa male
La notte che scende
La notte che sale
Giorno per giorno
Ora per ora
DI pezzi se ne perdono un po’
Quanti riflessi la mia bandiera
Sembrava la stessa nell’acqua e nel fuoco
Ma ormai di colore ne resta ben poco
Acquario, sagittario, se l’amore è così
Ciao Barbarella
La luna è lontana da me
Buona fortuna
Se riesci a trovarla, se c’è
Labbra d’argento
Mi hai messo dei buchi nell’anima
Io mi porto dentro l’emozione e il vento
Piccola Barbara
Piccola Barbara
Piccola Barbara.

Grande mago

Sopra gli alberi di ieri
Sopra gli alberi di ieri
Passerà un giorno il vento
Passerà, laverà, vendemmierà
Passerà, braccia e reni vecchi spezzerà
Cucirà le bocche
Con la rabbia del suo spago
Gli diremo bravo
E lo chiameremo mago
Sopra gli alberi di ieri
Passerà un giorno il vento
E con un tocco di bacchetta
Dicendo uno, due, tre
Ti farà vedere quanto è bravo
E dritto e scaltro
Grande mago
Fischia forte quando stai per arrivare
Venti secoli di favole ci han fatti addormentare
Grande mago
Fischia forte quando stai per arrivare
Venti secoli di favole ci han fatti addormentare
E sono lunghi da passare
Sopra gli alberi di ieri
Passerà un giorno il vento
E con un tocco di bacchetta
Dicendo uno, due, tre
E questa favola continua
Questa burla millenaria
Tornerò a sognare
Torneremo ad inventare
Ed al vecchio gioco pago
C’è sempre un buffone chiamato
Grande mago
Fischia forte quando stai per arrivare
Venti secoli di favole ci han fatti addormentare
Grande mago
Fischia forte quando stai per arrivare
Venti secoli di favole ci han fatti addormentare
E sono lunghi da passare
E sono lunghi da passare
Grande mago
Grande mago.

Il diario dei segreti

Mentre tu stai dormendo
Mi alzo già
Cerco il tuo diario
Prendo la chiave dentro i tuoi blue-jeans
Chiara la tua calligrafia
La vita tua ora è mia
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l’amore insieme a me
E piano piano scopro tutti i tuoi segreti
C’è scritto un nome, il nome mio
La foto insieme tu ed io
Se non è amore dimmi questo che cos’è
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l’amore insieme a me
Sfoglio le tue poesie lasciate a metà
Belle come la tua età
Ti voglio dare dieci in amore
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l’amore insieme a me
E piano piano scopro tutti i tuoi segreti
C’è scritto un nome, il nome mio
La foto insieme tu ed io
Se non è amore dimmi questo che cos’è
Nel tuo diario leggo che
Vuoi far l’amore insieme a me
Ti cerco al buio e tremo come un bambino
Poi vengo più vicino a te
Ti prendo piano e sento che anch’io ti amo.

Impazzirò

Mezzanotte sto aspettando sai
A quell’ora certo arriverà
E già tutto pronto, aspetto lui
Poi tutta la notte impazzirò
Impazzirò
Per ore ed ora a me si stringerà
E mi sussurrerà parole, ed io impazzirò
Come ogni notte quando io sogno di lui
Impazzirò
Per ore ed ora a me si stringerà
E mi sussurrerà parole, ed io impazzirò
Quando mi sveglierò e sola io sarò
Il giorno è troppo lungo e lento
Non finisce mai
E corre troppo forte il vento
E la notte non arriva mai
Ma nel vento tristemente io la chiamerò
Impazzirò
Per ore ed ora a me si stringerà
E mi sussurrerà parole, ed io impazzirò
Come ogni notte quando io sogno di lui
Mezzanotte sto aspettando sai
Fermati un momento
Per sognare ancora un po’ di lui
E per un istante ancora io impazzirò
Impazzirò
Per ore ed ora a me si stringerà
E mi sussurrerà parole, ed io impazzirò
Quando mi sveglierò e sola io sarò
Impazzirò
Per ore ed ora a me si stringerà
E mi sussurrerà parole, ed io impazzirò
Come ogni notte quando io sogno di lui
Impazzirò.

In due

Due
Risvegliarsi in due
Ritrovarsi in due
Respirarsi in due
Due
Mentre faccio il caffè
Scalda il letto per me
Ci sto bene con te
In due
Due
Se no un uomo cos’è
Solo l’ombra di sé
Due
Poi domani in tre
Se a volerlo si è
In due
Desiderarsi in due
Telefonarsi in due
Innamorarsi in due
Capirsi in due
Amarsi in due
E far l’amore in due
Per esaltarsi in due
Spaccare i piatti in due
Riamarsi in due
Far tutto in due
Due
Solo un’anima in due
Consolarsi in due
L’infinito in due
Due
Non usciamo perché
Se siam soli io e te
Il problema non c’è
In due
Due
Se no un uomo cos’è
Solo l’ombra di sé
Due
Poi domani in tre
Se a volerlo si è
In due
Desiderarsi in due
Telefonarsi in due
Innamorarsi in due
Capirsi in due
Amarsi in due
E far l’amore in due
Per esaltarsi in due
Spaccare i piatti in due
Riamarsi in due
Far tutto in due
Desiderarsi in due
Telefonarsi in due
Innamorarsi in due
Capirsi in due
Amarsi in due
E far l’amore in due
Per esaltarsi in due
Spaccare i piatti in due
Riamarsi in due
Far tutto in due
Desiderarsi in due
Telefonarsi in due.

La gente parla

Ti amo tanto come sei
Per le incertezze che mi dai
Perché sei il mio portafortuna
Perché sei il vento e poi la luna
La gente parla dei tuoi modi strani
Camicie che non t’abbottoni
La gente parla delle tue canzoni
Dei fiori scritti sui tuoi pantaloni
La gente parla
Non è mai annegata nei tuoi sogni fragili
Nello spazio immenso dei tuoi occhi limpidi
Libera senza più limiti
Con il corpo che si illumina
Libera vicina a un angelo
La tua mente vola via
Altissima su me
La gente parla e ci fa del male
La gente è un po’ convenzionale
La gente parla se ti scopri il petto
E poi ti immagina nel suo letto
La gente parla
Ed a fari spenti nella nebbia neanche sa
Che la maldicenza fino in cielo non ci va
Libera senza più limiti
Tu non provi mai vertigini
Libera da ogni immagine
La tua ombra su di noi
Oscura il sole e vai
Libera da ogni limite
Con il corpo che si illumina
Libera vicina a un angelo
Tu non provi mai vertigini
Libera da ogni limite
Con il corpo che si illumina.