Senza un briciolo di testa

Stavolta non lo dico più
Che grande sbaglio mio sei tu
Bisogna crescere oramai
Se ancora adesso penso a te
Vuol proprio dir purtroppo che
Ho scelto te
Evanescente
Come un fumetto di eroi e di avventure
Vuol proprio dire che anch’io
Inseguo in fondo un fine mio
Sognare
E riprovo insieme a te
Una volta ancora insieme a te
Ancora nonostante so che non dovrei
Senza un briciolo di testa
Come se odiassi me che ormai
Son troppo presa e tu lo sai
E sempre più tenacemente ti vorrei
Senza un briciolo di testa
Come se odiassi me
Non cerco di cambiarti più
T’accetterò da oggi in poi
Invulnerabile come sei
D’altronde se ho voluto te
Una ragione certo c’è
Chissà qual è
Evanescente
Come un fumetto di eroi e di avventure
Vuol proprio dire che anch’io
Inseguo in fondo un fine mio
Sognare
E riprovo insieme a te
Una volta ancora insieme a te
Ancora nonostante so che non dovrei
Senza un briciolo di testa
Come se odiassi me che ormai
Son troppo presa e tu lo sai
E sempre più tenacemente ti vorrei
Senza un briciolo di testa
Come se odiassi me
Odiassi me
Odiassi me
Odiassi me
Odiassi me.

Uno sull’altro

Forse non è stato un caso
che noi ci troviamo qui
sotto un cielo senza stelle.
Nelle tasche frasi nuove
solo piene di perché,
questo giorno che sembrava uguale agli altri
ci catturerà di più.
Uno sull’altro
senza chiederci perché,
troppo romantico
questo sembrerà
per chi non è mai,
mai stato come noi.
Ma noi,
noi ci stiamo già innamorando,
in un corteo che va
per le strade della città.
Ma tu
che in amore chissà se hai pianto,
tu spiegami perché
le tue mani cercano me.
Pelle bianca, mi hai colpito,
questa volta hai vinto tu,
anche il sole l’ha capito,
ora non ti lascio più.
Uno sull’altro
senza chiederci perché,
troppo romantico
questo sembrerà
per chi non è mai,
mai stato come noi.
Ma noi,
noi ci stiamo già innamorando,
in un corteo che va
per le strade della città.
Ma tu
che in amore chissà se hai pianto,
tu spiegami perché
le tue mani cercano me.
Ma noi,
noi ci stiamo già innamorando

Vai

Accussì te ne vaie
e nun t’emporta cchiu niente ‘e me
senza ‘e me tu te vaie
e già te stò cercanne
mentr’ te sto’ perdenne.
Accussì te ne vaie
e già e decise comme ‘e partì
dove andrai che farai
e guardanneme into all’uocchie
regalame n’abbraccio.
Vai dove il sole non c’è mai
dove niente troverai
nella nebbia resterai
cercando quello che hai
poi col vento parlerai
quante storie inventerai
senza tempo correrai
addò nisciune ce sta.
Vai e senza stelle te ne vaie
cu st’ammore te ne vaie
senza scarp’ te ne vaie
pé nun te fa sentì.
Accussì te ne vaie
mi sembra proprio come nei film
senza ‘e me te ne vaie
tu ca me staie lassanne
e io che stò murenno.
Accussì te ne vaie
ma rint”o core riest’ cu mme
è n’addio chistu ciao
e puortate chesta lacrema
io pé te stò chiagnenno.
Vai dove il sole non c’è mai
dove niente troverai
nella nebbia resterai
cercando quello che hai
poi col vento parlerai
quante storie inventerai
senza tempo correrai
addò nisciuno ce sta.

Vai senza stelle te ne vaie
cu st’ammore te ne vaie
senza scarp’ te ne vaie
pe nun te fa sentì.

Verso il 2000

Non si impara sopra i banchi di scuola
ad essere uomo
a quante scarpe ho consumato la suola
per dire “ti amo”
e quante idee ho già impegnato al banco
per essere me
e quante donne stese sul tuo fianco
prima di scegliere me.
Quante miglia deve alzarsi un aliante
per essere cielo
e quante volte proprio in mezzo alla gente
ti senti più solo.
E quante rondini cadranno nel mare
per seguire l’estate
quante esperienze prima che sia amore
amore con te.
E mentre vanno a catafascio i giorni
nel cielo più scuro
io dentro casa aspetto che ritorni
e mi sento sicura.
Eneaninà enainà aneaninà
eneaninà aneaninà.
Il problema grande è uscire per strada
ed essere noi
Certo che i giovani storditi di fumo
non fanno più guai
ma oggi ho visto due ragazzi lontano
uscire di fila
tutti nudi e stretti stretti per mano
verso il 2000.
Eneaninà enainà aneaninà
eneaninà aneaninà.

Via Margutta

Sta cadendo la notte
sopra i tetti di Roma
tra un gatto che ride e un altro che sogna
di fare l’amore.
Sta cadendo la notte
senza fare rumore
sta passando una stella
sui cortili di Roma
e un telefono squilla
nessuno risponde
a una radio che parla
è vicina la notte
sembra di accarezzarla.
Amore vedessi
com’è bello il cielo
a via Margutta questa sera
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
dei bombardamenti, dei pittori,
dei giovani poeti e dei loro amori
consumati di nascosto
in un caffè.
Amore vedessi
com’è bello il cielo
a via Margutta insieme a te
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
che ci ha visto soffrire
che ci ha visto partire
che ci ha visto.
Scende piano la notte
sui ricordi di Roma
c’è una donna che parte
e un uomo che corre
forse vuole fermarla
si suicida la notte
non so come salvarla.
Amore vedessi
com’è bello il cielo
a via Margutta questa sera
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
dell’oscuramento e dei timori
dei giovani semiti e dei loro amori
consumati di nascosto in un caffè.
Amore sapessi com’era il cielo
a Roma qualche tempo fa
a guardarlo adesso
non sembra vero che sia lo stesso cielo
la stessa città
che ci guarda partire volerci bene
che ci guarda lontani
e poi di nuovo insieme
prigionieri di questo cielo
di questa città
che ci ha visto soffrire
che ci ha visto partire
che ci ha visto.
Si suicida la notte
non so come salvarla.

Croce del Sud

Piove adagio sulle case
Non si muove niente
Stanca troppo stanca
Per decidermi a sognare
E l’abitudine
Mi addormenta il cuore
Vento del sud attraverserai
Questa città che scompare
C’inventeremo una musica
Acqua chiara terra nera fuoco che brucerà
Aria e la vita che va
Vento del sud dentro gli occhi tuoi
Facci vedere nel buio
Passa il tempo passano i pensieri sopra il mare
Non ho più ricordi per potermi raccontare
E dolcemente tu
Liberi la voce
Vento del sud attraversami
Rapido come un respiro
Cosa veloce di zingari
Acqua chiara terra nera fuoco che brucerà
Aria e la vita che va
Vento del sud accarezzami
Con i colori del buio
Croce del sud accompagnami
Fammi scordare la notte
Una promessa di sole.

Re

Sei quello che sei
respiro in più
verso il cosmico blu
Su tienimi
dolcemente trattienimi
nulla è reale qui
Fammi dondolare così
ora così
Nell’immenso respiro che c’è
io mi ritrovo nel tuo regnoperduta di te eh!
dimmi mio re
OoH dimmi mio re
Ooh! sei quello che sei
parte di me
malinconico re
Che bello sei!
Oro giallo di sole ormai
nulla è reale qui
sotto questo cielo così
grande così
Nell’immenso respiro che c’è
io nella realtà di un sogno
mi sveglio con te, oh!
Nell’immenso respiro che c’è
io mi ritrovo nel tuo regno
perduta di te eh
Dimmi mio re!
ooh dimmi mio re!
uooh re!
dimmi mio re
dimmi mio re
dimmi
dimmi mio re
dimmi uooh!
dimmi mio re eh eh.

E camminiamo

Siamo noi computer e cuore
in questo secolo che va via,
in città affollate e vuote,
storie usa e getta via,
noi che non dormiamo mai,
figli delle atomiche,
sogni sempre da bambini
di superstar.
Siamo noi irrequieti e dolci,
stretti e immobili,
in macchine appannate, in viaggio
per chissà…
noi pianeti liberi,
noi la nuova umanità,
allegria e progetti un po’
di plastica.
E camminiamo
chiedendo strada e non toccando il freno,
destinazione sentimenti e suono,
chiudendo gli occhi a un attimo di fantasia,
su questa vita che ci porta via.
Volo d’aquiloni sopra
incerte nuvole,
teneri uragani, ancora
sogni da spendere,
tanto tempo non ce n’è
e bisogna crescere,
anche se un amore
resta giovane.
E camminiamo
cercando giorni simili a nessuno,
maglietta, sguardo metropolitano,
su marciapiedi e mossi oceani di poesia,
per raccontarsi e farsi compagnia,
chiedendo strada e non toccando il freno,
destinazione sentimenti e suono,
chiudendo gli occhi a un attimo di fantasia,
su questa vita che ci porta via.

Ribelle su questa terra

Relax per me
Che cammino sul tuo cuore
Ti riscaldo con la bocca
Relax saprò conquistarti nel mio tempo
Senza toglierti il respiro
Ribelle su questa terra
Io vivo senza tremare
Randagio sempre nelle notti mie
Senza fili mi muoverò oh
Relax per te è una smorfia la tua vita
Sulla lama di un coltello
Relax sei tu stai cercando il tuo destino
In un mondo chiuso e schivo
Straniero su questa terra
Io taglio le strade al vento
E questa faccia senza occhi ormai
Sto perdendo la mia realtà
Ehi sei proprio tu
Che cerco addosso a me
No non perderò
La voglia di un attimo in più resta in me
Relax per te che sei sincera
In tutti i tuoi pensieri
Ribelli ad ogni costo
Rischiamo la notte insieme
Il nostro tempo è una trappola
Voglio uscire adesso con te
Ehi sei proprio tu
Che cerco addosso a me
No non perderò
La voglia di un attimo in più resta in me
Ehi tu resta in me non piangere ti capirò
Ribelli su questa terra rischiamo la notte insieme
Ribelli ad ogni costo viviamo senza tremare.

E’ tutto un attimo

Io che scambio l’alba col tramonto
e mi sveglio tardi nei motel
sbadiglio sopra un cappuccino
e pago il conto al mio destino
è tutto un attimo.
Io che firmo il nome come viene
dormo spesso accanto al finestrino
mi trucco il viso che ho deciso
e vivo il tempo più vicino
è tutto un attimo.
La mia vita è questa qua
che un’altra dentro non ci sta
questa vita siete voi
questo cuore immenso che
solo se ci penso
già sento tesa l’anima
la mia vita siete solo voi
siete voi…solo voi…
Io che scambio amore fino in fondo
solo nei momenti miei con te
immaginando anche un bambino
chiedo il resto al mio destino
è tutto un attimo.
La mia vita è questa qua
che un’altra dentro non ci sta
questa vita siete voi
questo cuore immenso che
solo se ci penso
già sento tesa l’anima
la mia vita siete solo voi
siete voi…solo voi…
io vivo in mezzo tra due cuori
io vivo dentro e vivo fuori
è tutto un attimo
voi…solo voi…