Nun chiagnere

Quando mi vuoi bene che tristezza dentro me
Può sembrare assurdo per chi non conosce te
Tu stella delle stelle ma tu che stella sei
Se non riscaldi il cielo dove stai
Vivi a cuor leggero l’incoerenza che c’è in te
Fingi amore vero e nemmeno sai perché
Puoi essere un disastro non lo sarai per me
Dimenticarti è giusto non lo sarà per te
Mo nun chiagnere
Cheste parole so’ cchiu chiare e te
E quanno me diciste l’ammore mio si tu
Io ce credevo, mo nun ce crede cchiu
E dimme tu stasera che l’aggia raccuntà
Cheste carezze che te fatte a fa
No non m’hai capito, che distanza c’è tra noi
Forse l’infinito forse troppi errori tuoi
D’amore non si muore e io non morirò
Ma della tua incoscienza qualcosa conserverò
Chissà quanti amori la tua pelle sfiorerà
Chissà quante volte mi hai ferito chi lo sa
Tu stella delle stelle di più ti accenderai
Tu puoi fermare il tempo, vedrai che capirai
Mo nun chiagnere
Cheste parole so’ cchiu chiare e te
E quanno me diciste l’ammore mio si tu
Io ce credevo, nun ce credo cchiu
E dimme tu stasera che l’aggia raccuntà
Cheste carezze che te fatte a fa
E quanno me diciste io voglio bene a te
E me so stato zitto e o ssai pecché.

Io (per le strade di quartiere)

Io, che andavo per le strade di quartiere
Io, con un penale tutto da pulire
Io, che non la davo vinta neanche morto
Io, che mi hanno sempre tolto il passaporto
Io, le donne, mille corpi nessun cuore
Io, che ormai mi stavo già lasciando andare
Io, la notte in giro in rete disperati
Io, che ho sempre riso degli innamorati
Ma adesso ci sei tu qui con me
Ed io non rido ma al contrario vivo te
Ora che ci sei tu, che ci sei
Prendo il momento come meglio non potrei
Io, coi guai che mi potevano far male
Io, a vivere ma senza respirare
Io, con tanto di passato da scordare
Io, un uomo nuovo tutto da scoprire
Adesso ci sei tu qui con me
Se mi vien voglia di cantare, canto te
Quando non ci sei tu, resto qui
L’amore cambia un uomo da così a così
Se mi vien voglia di cantare, canto te
Quando non ci sei tu, resto qui
L’amore cambia un uomo da così a così.

Versione stampabile Chiudi questa finestra

Ogni tanto si sogna

Cammino e non ho
il senso delle cose,
non ho il senso della realtà.
Ogni tanto è così,
si va oltre perché,
perché molto non c’è.
Mi dici che tu
non mi hai mai visto così strano,
mi baci e poi mi chiedi chi sono.
Sono uomo così,
vado in profondità,
perché molto non c’è
dentro questa città.
Ogni tanto si sogna
qualche stella speciale,
qualcosa di nuovo,
un inverno di sole.
Ogni tanto si sogna,
ci si lascia un po’ andare,
poi si chiudono gli occhi,
come batte il tuo cuore.
Ti sfioro e vorrei,
io vorrei farti capire tutto,
tutto il mio bisogno d’amore.
Sono uomo così,
dietro la mia allegria
tengo stretta con me
questa malinconia.
Ogni tanto si sogna
qualche cosa che vale,
un gesto d’amore
che ti faccia vibrare.
Ogni tanto si sogna,
ci si lascia un po’ andare,
poi si aprono gli occhi,
ci si deve svegliare.
Ogni tanto si sogna
qualche stella speciale,
poi si aprono gli occhi,
ci si deve svegliare.

Io con te

Non ci penso
ma uno come fa
non ci penso
non cade il mondo cado io
non vale, il male è mio.
Non ci penso
fai presto a dirlo tu
non ci penso
perché la testa mi va via
l’hai presa ma è mia.
Non ho paura più di te
peggio, sto con me
la faccia non mi guardo più
chi vedo non sei tu.
I con te quando vuoi
ma tu con me quando mai
per te vuoi tanto
ma per me non hai mai tempo
per te non sono che un pensiero
ti sbagli non è vero
io con te quando vuoi
ma tu con me quando mai
non hai parole
mentre io ci lascio il cuore
perché io voglio chi non c’è.
Non ci penso
lascia stare faccio io
non ci penso
con te non ci prendevo mai
io devo, tu non puoi.
Non ci penso
anche se mi butti via
non ci penso
hai fatto il vuoto intorno a me
qualcuno, ma dov’è.
Fa male un calcio e io lo so
ma un altro tira su anche se
io so che adesso manco io
l’amore c’è, è mio.
Io con te…

Per noi

Nella mia vita qualche volta ho vinto anch’io
Ma il prezzo che ho pagato lo sa solo Dio
E nella solitudine cancello un’altra pagina
La noia è un’abitudine che mi violenta l’anima
Sorridi, stai tranquilla dolce amore mio
E guai a chi ti tocca ora ci sono io
E mi credevo persa
Con te son già diversa
Nel momento giusto arrivi tu
Per noi, per noi
Lo so mi aiuterai a rivivere
Per noi
Ma dimmi che tu lo vuoi
E mi farai tornare a credere
Per noi, per noi
Fino a toccare il cielo e gli angeli
Per noi
Per sempre insieme noi
Così infiniti così fragili
Non è lontano il tempo quando stavo male
Mi sei scoppiata dentro come un temporale
E forse un po’ viziata e sempre coccolata
E nel momento giusto uomo tu
Per noi, per noi
Lo so mi aiuterai a rivivere
Per noi
Ma dimmi che tu lo vuoi
E mi farai tornare a credere
Per noi, per noi
Fino a toccare il cielo e gli angeli
Per noi
Per sempre insieme noi
Così infiniti così fragili
Per noi
Per noi.

Italia

Era tanto che volevo
Col mio canto dire a te
Grazie a un vecchio pensiero
Grazie al mio paese che
Quest’Italia che respira
Sempre bella e c’è un perché
Questa gente le vuol bene
Questa gente è come me
Poi mi prende l’emozione
Per Firenze che sta là
Per Venezia che si muove
E l’eterna Roma è qua
Italia, Italia
Di terra bella e uguale non ce n’è
Italia, Italia
Questa canzone io la canto a te
Un giardino dentro al mare
Contadina come me
Ride e canta e ballerina
Forse il sole è nato qui
Quest’Italia che profuma
Di oleandri e di perché
Anche quando si è un po’ stanchi
Non ci si arrende per un se
Italia, Italia
Di terra bella e uguale non ce n’è
Italia, Italia
Questa canzone io la canto a te
Non ci si arrende per un se
Italia, Italia
Di terra bella e uguale non ce n’è
Italia, Italia
Questa canzone io la canto a te.

Per noi giovani

Vorrei sapere cosa fanno
quelle grandi autorità
tutto il giorno, tutto l’anno
cosa studiano chissà
per noi giovani
gruppi sparsi nel viavai
dei crepuscoli oramai.
Per noi che raddrizziamo il tiro
se qualcosa qui non va
sentirci presi ancora in giro
non è più una novità
per noi giovani
parcheggiati qua e là
lungo i vicoli o nei bar.
E noi
che abbiamo rabbia e fantasia
che non ci manca l’energia
non ci piangeremo addosso
noi
diciamo quello che ci va
col vento della libertà
diventiamo un mare mosso.
Dai, ragazza se sei sola
mettiti con me se vuoi
divertiamoci stasera
come piace a noi
a noi giovani
astronauti di città
neoromantici d’età.
E noi
che insieme ci sentiamo forti
noi di una cosa siamo certi
non faremo voli strani
noi
milioni d’anime in trincea
con una sola grande idea
esser vivi per domani.
Per noi giovani, per noi…

L’amore rubato

La ragazza non immaginava
che anche quello fosse l’amore
in mezzo all’erba lei tremava
sentiva addosso ancora l’odore
chissà chi era cosa voleva
perché ha ucciso i miei pensieri
chissà se un giorno potrò scordare
e ritornare quella di ieri
la ragazza non immaginava
che così forte fosse il dolore
passava il vento e lei pregava
che non tornassero quelle parole
adesso muoviti fammi godere
se non ti piace puoi anche gridare
tanto nessuno potrà sentire
tanto nessuno ti potrà salvare
e lei sognava una musica dolce
e labbra morbide da accarezzare
chiari di luna e onde del mare
piccole frasi da sussurrare
e lei sognava un amore profondo
unico e grande più grande del mondo
come un fiore che è stato spezzato
così l’amore le avevan rubato
la ragazza non immaginava
che così lento fosse il dolore
stesa nel prato
lei piangeva
sulle sue lacrime nasceva il sole
e lei sognava una musica dolce
e labbra morbide da accarezzare
chiari di luna onde del mare
piccole frasi da sussurrare
e lei sognava un amore profondo
unico e grande più grande del mondo
ma il vento adesso le aveva lasciato
solo il ricordo di un amore rubato
come un fiore che è stato spezzato
così l’amore le avevan rubato.

Perdere l’amore

E adesso andate via voglio restare solo
con la malinconia volare nel suo cielo
non chiesi mai chi eri perché scegliesti me
me che fino a ieri credevo fossi un re.
Perdere l’amore quando si fa sera
quando tra i capelli un po’ d’argento li colora
rischi d’impazzire può scoppiarti il cuore
perdere una donna e avere voglia di morire
lasciami gridare rinnegare il cielo
prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo
li farò cadere ad uno ad uno
spezzerò le ali del destino e ti avrò vicino,
comunque ti capisco e ammetto che sbagliavo
facevo le tue scelte chissà che pretendevo
e adesso che rimane di tutto il tempo insieme
un uomo troppo solo che ancora ti vuol bene.
Perdere l’amore, quando si fa sera
quando sopra il viso c’è una ruga che non c’era
provi a ragionare fai l’indifferente
fino a che ti accorgi che non sei servito a niente
e vorresti urlare soffocare il cielo
sbattere la testa mille volte contro il muro
respirare forte il suo cuscino
dire è tutta colpa dei destino se non ti ho vicino.
Perdere l’amore, maledetta sera
che raccoglie i cocci di una vita immaginaria,
pensi che domani è un giorno nuovo
ma ripeti non me l’aspettavo non me l’aspettavo,
prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo
li farò cadere ad uno ad uno
spezzerò le ali del destino e ti avrò vicino…
… perdere l’amore.

L’ultima bugia

Ti ho vista sai, a braccia nude ieri
lividi ormai sempre più neri
ciao, come stai? no, non ti vergognare
non stare male, prova a parlare…
che ti succede occhi blu
ehi giura che non lo fai più… mai più.
D’inverno smetterò, io cambierò città
d’inverno smetterò dicevi un anno fa
e avvolta in un paltò, dicevi io non so
mio Dio che farò, la scuola lascerò
tun non lasciarmi più, mai più
giura che non lo farai, no mai… mai più.
Quel giorno poi, a Roma nevicava
tra le lensuola non c’eri più
com’è difficile star su
ci provo se ci provi tu… ma tu.
D’inverno smetterai, ma giura che lo farai
d’inverno sarai qui, dai dimmi che è così
nel letto accanto a me, sorridi dai perché
la neve è andata via, è l’ultima bugia
tu non lasciarmi più… mai più
tu non morire più… mai più.