Gli anni migliori

Stare zitti serve a dire sì
e ogni tanto non parlavi mai
se cercavi scuse
non badavi a spese
e compravi sogni per illudermi
gli anni migliori
sono così
quelli vissuti
ma sono quelli che tu mi dai
gli anni migliori
non è vero che vanno via
si fermano
nei cuori
e poi non invecchiano mai
dove sei
nel tuo mare chi si imbarcherà
anche a cuore asciutto
l’acqua del tuo frutto
con le labbra secche quando non sei qui
gli anni migliori
sono così
come i diamanti
ma brillano di più
gli anni migliori
non è vero che vanno via
si fermano
nei cuori
in noi
gli anni migliori
lo sai anche tu
sono i respiri
divenuti inventati da noi
gli anni migliori
non è vero che vanno via
ci aspettano
poi crescono
diventando grandi insieme a noi
si fermano
nei cuori
ma loro non invecchiano mai.

Rifarsi una vita

Fuori si fa sera…
che cosa c’è di strano…
fa sera tutti i giorni
da quando sono nato…
cosa c’è…
Fuori si fa sera…
che guinness vuoi bruciare
a spingere le porte
con scritto su “Tirare”…
cosa fai…
E i Frankenstein nascosti nell’armadio
palloni che non hanno mai volato…
il clan dei panni sporchi
mi aspetta giù all’uscita…
che confusione… io…
vado a rifarmi una vita…
Fuori si fa sera…
che luna pensierosa…
vorrei dimenticare…
ma non ricordo cosa…
dove sei…
Torni dalla pioggia…
ti offro un temporale…
dov’è che sei ferita…
dov’è che ti fa male…
dove vai?
Il clown che stai cercando ha traslocato
chissà su quale nave s’è imbarcato…
se trovi l’eldorado
mi mandi una pepita…
scusa un momento… io…
vado a rifarmi una vita…

Il babà è una cosa seria

Certe volte non so quel che faccio
Giro a vuoto, mi sento uno straccio
Il telefono squilla
C’è un uomo che strilla
Mi ronza un orecchio
Si è rotto lo specchio
Che ghiurnata ch’è schiarata
Nun me ne fido occhiu’
Senza fa’ manco ‘a valigia
Vorrei andarmene in Perù
In Giappone, in India, in Cina
Ma poi volo ‘int ‘a cucina
A me quello che mi consola
E l’addore d’a pummarola
Perché quel che mi tira su
Songo ‘e zite con il ragù
La fortuna è fugace, si sa
L’amor, l’amor, l’ammore viene e va
Ma il maccherone resta
Non c’è sta niente ‘a fa’
Io mi sento più buona e più bella
Facci’ o gnocco cu ‘a muzzarella
E si ‘a vita amara se fa
Si addolcisce cu nu babà
Il babà è una cosa seria
Cu ‘o babà nun se pazzea
è una cura che fa bene
‘O babà nun po’ ingannà
Il babà è come il ciucciotto
La coperta di Linus
Se cercate un antistress
Accattateve ‘o babà
La mattina se leggo il giornale
Corro il rischio che dopo sto male
C’è la borsa che cade
Una tassa che scade
C’è l’alga mortale
La nube fatale
Tutto il mondo s’è inquinato
Mo’ l’ozono che farà
Mi dimetto da terrestre
Sopra Marte voglio andà
Ma poi sento l’odorino
Che proviene d’a’ cucina
A me quello che mi consola
E l’addore d’a pummarola
Perché ciò che mi tira su
Songo ‘e zite con il ragù
La fortuna è fugace, si sa
L’amor, l’amor, l’ammore viene e va
Ma il maccherone resta eh eh eh
Non c’è sta niente ‘a fa’
Io mi sento più buona e più bella
Facci’ o gnocco cu ‘a muzzarella
E si ‘a vita amara se fa
Si addolcisce cu nu babà
Il babà è una cosa seria
Cu ‘o babà nun se pazzea
è una cura che fa bene
‘O babà nun po’ ingannà
Il babà è come il ciucciotto
La coperta di Linus
Se cercate un antistress
Accattateve ‘o babà
La fortuna è fugace, si sa
L’amor, l’amor, l’ammore viene e va
Ma il maccherone resta eh eh eh
Non c’è sta niente ‘a fa’
Io mi sento più buona e più bella
Facci’ o gnocco cu ‘a muzzarella
E si ‘a vita amara se fa
Si addolcisce cu nu babà.

Scusa

Che strano amore
Questo amore tuo
Fatto un po’ di niente
DE un po’ di me
Lo trovo sciocco senza fantasia
Non era certo questa la mia idea
Però lo vivo in ogni mio respiro
E respirando vivi dentro me
è come camminare sopra il vetro
Ma io non torno indietro senza te
Scusa
Se t’amo ancora come il primo giorno
Se come dici tu non è moderno
Se non ho mai pensato di lasciarti
Scusa
Se faccio esperimenti per odiarti
Se a me non m’interessano le altre
Se preferisco una partita a carte
Scusa
Se tutto quel che ho non è abbastanza
Se non mi calma questa lontananza
Se non so liberarmi più di te
Scusa
Scusami
Se non so amarti meglio di così
Scusa
Se non son diventato ancora grande
Se ho fatto della musica un’amante
Se prima scappo poi vengo a cercarti
Scusa
Se sei finita dentro una canzone
Se il cuore è stato sempre il mio padrone
Se non so liberarmi più di te
Scusa
Scusami
Se non so amarti meno di così
Io non so amarti meno di così.

Il cuore delle donne

Sto indovinando che nuvola è
Quella che ha pianto e ritorna da me
Malinconia di chi non c’è
Bella mia
Un colpo d’ali e
Via dai tramonti di questa città
Occhi già pronti a guardare più in là
E una bugia
Ci aiuterà bella mia
Respira forte
Il cuore delle donne cambia età
è un albero d’inverno e fiorirà
Il cuore delle donne sei tu che non tremi più
Dietro ai silenzio una dolce marea
Di sentimenti che cambiano idea
La gabbia ormai non serve più
Bella mia
Sentieri aperti e
Tu che hai davanti gli amori che avrai
Piccoli o grandi non bastano mia
Che mondo sia
Lo imparerai bella mia
Respira forte e
Il cuore delle donne cambia età
è un albero d’inverno e fiorirà
Il cuore delle donne sei tu che non tremi più
Il cuore delle donne cambia età.

Se

Se non fsse fantasia
immagina che un giorno tu andassi via.
Se deluso dall’idea
perdessi la mia scia
io forse me ne andrei.
Se un’altra poesia
finisse dentro a un letto a casa mia.
Se ridotto ad uno straccio,
di un cuore di passaggio, non mi accontenterei.
Il mio mondo sei tu, non chiedermi perché
amore profondo senza troppi se…
prendi fiato con me un anno, un giorno e poi chissà
mi basta per scordare, sopravvivere e sognare
insieme a te.
Che vivi dentro me
più forte dell’inganno,
che non vorrei.
Se in questa mia poesia
leggessi una bugia,
l’avresti scritta tu.
Se con rabbia e gelosia
corressi per le strade
con questa idea.
No, mi manca l’energia
tu non andare via
rimani qui con me.
Il mio mondo sei tu, non chiedermi perché
amore profondo senza troppi se…
prensi fiato con me un anno, un giorno e poi chissà
mi basta per scordare, sopravvivere e suonare
questo sax.
Il mio mondo sei tu, non chiedermi perché
amore profondo senza troppi se…
prendi fiato con me un anno, un giorno e poi chissà
mi basta per scordare, sopravvivere e sognare
insieme a te.

Bastardo

E adesso tu sei qui da me
per chiedermi qualcosa che
io non ti posso dare,
non posso fingere
lo so cosa vuol dire
e non so cosa fare.
E non sorridere perché lo so
che sei un duro e che potrei cercare
solo una scusa per potermene andare,
vorrei, non vorrei
e non so cosa dire.
Hai già capito che è la prima volta
e che ho paura di te,
e non mi dire che non te ne importa
perché stasera hai deciso come andrà a finire
e sai che cosa fare, e sai che cosa dire,
mi sembra chiaro a questo punto
mi vorresti spogliare,
lo posso immaginare,
è questo che vuoi da me.
Bastardo almeno non farmi male!
C’è una luce che ti splende sul viso,
il tuo consiglio è di lasciarmi andare
ed è sparito il tuo sorriso,
mi dici “o.k. lasciamo stare”,
tu pensi sempre male.
Eppure adesso non ho più paura,
com’è che adesso voglio vivere quest’avventura,
ma ti sei già alzato, ti sei già rivestito,
mi dici sei una bambina, ancora non hai capito,
stavolta è tutto finito,
e adesso che vuoi da me?
Bastardo almeno fammi provare!
E adesso sono qui da te
per chiederti fammi provare,
attento amore, non farmi male.

Il mio pianoforte

Un vero amico ce l’ho
è un amico unico
Lui non mi dice mai no
Pianoforte magico
Quando ritorno la sera
Gli racconto di me
Spesso parliamo d’amore
E poi suoniamo per ore
Va musica va
Vedrai che lei ci aspetterà
Va musica va
Nel sottofondo della sera
Io ti seguirò
Dovunque andrai ti troverò
Va musica va
Dal mio piano
Un’atmosfera così
Mi ricorda Napoli
Un pianoforte che va
Bianco e nero, vicoli
In un concerto alle stesso
In ricordo di lei
Che da un’antica emozione
Nasce una nuova canzone
Va canzone va
Per un amore senza età
Va canzone va
Quante promesse nella sera
Io ti cercherò
Ti seguirò
Ti canterò
Va canzone va
Dal mio piano va
Va canzone va
Senza una metà senza età
Va canzone va
Dove mi porti questa sera
Io mi orienterò
Ti seguirò
Ti troverò
Va musica tu
Sul mio piano tu.

Se me lo dicevi prima

Eh, eh, eh, ma se me lo dicevi prima
Eh, se me lo dicevi prima
Come prima
Ma sì se me lo dicevi prima
Ma prima quando
Ma prima no
Eh, si prendono dei contatti
Faccio una telefonata al limite faccio un leasing
Se me lo dicevi prima
Ma io ho bisogno adesso, sto male adesso
Ma se me lo dicevi prima ti operavo io
Ma io ho bisogno di lavorare io sto male adesso
Eh sto male e sto bene macché il lavoro e mica il lavoro
Posso mica spedirti un charter
Bisogna saperlo prima che dopo non c’è lavoro, prima, capito
E allora è bello
Quando tace il water
Quando ride un figlio
Quando parla Gaber
E allora sputa su chi ti eroina
Perché il mondo sputa
Proprio quando nasce un fiore
Perché iniettarsi morte
è ormai anche fuori moda
Perché ce n’è già tanti che son venuti fuori
Oh, sei ancora qua
Vabbé, quanto sei alto
Uno e novanta
Eh eh eh non vai bene
Come non vado bene
Non vai bene
Se me lo dicevi prima ti dicevo che noi abbiamo bisogno della gente giusta
Tra l’1,60 l’1,60, tra l’1,60, capito
Cioè ho capito che quando uno sta male deve arrangiarsi da solo
E allora sarà ancora bello
Quando ti innamori
Quando vince il Milan
Quando guardi fuori
E sarà ancora bello
Quando guardi il tunnel
Che è ancora lì vicino e non ci credi ancora
Ne sei venuto fuori e non ci credi ancora
E ci hai la pelle d’oca e non ci credi ancora
Ti sei sentito solo
In mezzo a tanta gente
Sì ma guarda che di te e degli altri
A questa gente
Non gliene frega niente
E allora sarà ancora bello
Quando tace il water
E sarà anche più bello
Quando scopri il trucco
E allora sarà bello
Quando tace il water
Quando spegni il boiler
Quando guardi il tunnel
Quando, quando senti il sole.

Bocca di fragola

Perché tuci sei
non è una scherzo in più
ci sei
la bocca come fragola
che bacia e poi si ferma qua
senza dire parole ci entro per scoprire
che è sola da morire.
La prenso fra le labbra e poi
giriamo pure dove vuoi
in questa notte scura sbattiamo un po’ le ali
per non aver paura.
Son respiri
che non ci son più
son respiri
che non ci son più.
Non è uno scherzo in più
gli occhi come le lucciole
s’accendono di notte per
capire le parole che stringi fra le mani
ma è solo una canzone
che s’infila fra le lenzuola
poi tra le gambe tutta sola
ti soffia in un orecchio
tu spegni piano gli occhi
e non l’assorbi più.
Son respiri
che non ci son più
son respiri
che non ci son più
che non ci son più
tu…
La bocca come fragola
che bacia e poi si ferma qua
senza dire parole ci entro per scoprire
che è sola da morire.
La prenso fra le labbra e poi
giriamo pure dove vuoi
in questa notte scura sbattiamo un po’ le ali
per non aver paura.