Io vorrei

Quante promesse che si spengono
A volte non lo sai il perché
E poi due occhi le riaccendono
Dentro a un portone o in quel caffè
Quei due ragazzi che si amano
Nel buio di periferia
E quanti amori si ritrovano
Dentro una canzone o una poesia
Io vorrei fermare il tempo
Nei tuoi occhi dentro i miei
Con la voglia di cambiare
Tutto insieme a te
E fermare quei momenti
Ogni volta che vai via
Io vorrei, sì vorrei
Io vorrei cambiare il mondo
Ma il mondo cambia me
Quanta voglia di scavarti dentro l’anima
Io vorrei averti sola
E invece tu da sola non lo sei
Io vorrei, sì vorrei
Quante parole che si sprecano
Se poi l’amore cade giù
Speranze e dubbi si confondono
Come bambini quando crescono
Io vorrei fermare il tempo
Nei tuoi occhi dentro i miei
Con la voglia di scoprire
Tutto insieme a te
E fermare quei momenti
Ogni volta che vai via
Io vorrei, sì vorrei
Io vorrei, sì vorrei
Io vorrei che fossi sola
Invece io sono bene con chi sei
Io vorrei, sì vorrei
Quanti ragazzi che si amano
Io questa notte senza te.

Tu… sì…

Di nuovo cosa c’è dentro la mia vita
Dove finisce la pioggia cominci tu
La sabbia come te scotta fra le dita
E nella storia infinita ci sei di più
Perduto un po’ così
In questo secolo ti amo
Perduto come te
Tu sì… ardito affetto mio
Tu sì… ci ha messo il cuore Dio
E vivi la vita vivi in me
pioggia di marzo leggera
dimmi che vita vuoi per te
a quale sorgente vuoi bere.
Cogli la rosa preziosa che qui adesso c’è
tu serenamente, bella veramente
tu completamente dentro nella mente
ci ha messo il cuore Dio.
Rimani lì così…
Rimani lì così
mondo da scoprire
ora fra queste lenzuola che cosa sei.
Adesso che sei qui
con quel sorriso da bruciare
per quanta notte c’è
Tu sì… ardito affetto mio
Tu sì… ci ha messo il cuore Dio
E vivi la vita vivi in me
pioggia di marzo leggera
dimmi che vita vuoi per te
a quale sorgente vuoi bere.
Cogli la rosa preziosa che qui adesso c’è
tu serenamente, bella veramente
tu completamente dentro nella mente
ci ha messo il cuore Dio.

L’età dell’oro

Colomba bianca e poi pantera nera
Non sono stabile, né passeggera
Ma in ogni sguardo lascio briciole di cuore
E mi ritrovo sempre più leggera
E so volare
Seguire il vento ovunque va
Mi so bastare
Anche in questo deserto
Anche in questo deserto
Hey, sarà l’età dell’oro
Gli occhi chiari della gioventù
Così verde non ritornerà mai più
Hey, sarà perché il futuro
Quando arriva non mi basta mai
Assomiglia poco a quello che vorrei, vorrei
Vorrei parlare con la gente
Capire che cos’è importante
Per dare un senso all’esistenza
Tenere accesa la speranza
E so volare
Seguire il vento ovunque va
Mi so bastare
Anche in questo deserto
Anche in questo deserto
Hey, sarà l’età dell’oro
Gli occhi chiari della gioventù
Così verde non ritornerà mai più
Hey, sarà perché il futuro
Quando arriva non mi basta mai
Assomiglia poco a quello che vorrei, vorrei
Hey, sarà l’età dell’oro
Gli occhi chiari della gioventù
Così verde non ritornerà mai più, mai più.

Un cielo che si muove

Cos’è mai
Questo amore che
Non sta fermo nemmeno se vuoi
Cos’è mai
Questo cielo che
Che si muove dentro di noi
Non è strano poi
Che tu cerchi me
Quando anch’io cercavo di te
Non è strano che
Certi sguardi fra noi
Spiegazione non trovano mai
Eppure in fondo agli occhi tuoi
C’è quello stesso grido che
Sto soffocando dentro me
Per questo io ti abbraccerei
Ma sei già troppo sola tu
Se non stai parlando più
Dove vai, in che spazio sei
Non ti sento come vorrei
Tu eri qui vicino a me
Vicino al centro dei perché
Quando all’improvviso sei volata via
E adesso sento come se
La parte cosmica di me
Si staccasse per seguire la tua scia
E mi perdo dentro un cielo che si muove
Sopra noi
Tu eri qui vicino a me
Vicino al centro dei perché
Quando all’improvviso sei volata via
Ed ho la sensazione che
Qualcosa sta cambiando in me
Sto cercando di capire cosa sia
Ma rimangono le nuvole del cuore
A coprire questo cielo che si muove
Dentro noi
Dentro noi.

1062.Una storia da raccontare (1990)

Il sole sembra un faro
Acceso sulle dune
Tinge col suo mistero
Di rosso le lagune
E la notte e la luna
Sulla spiaggia sono spose
E gli amori, poi, cadranno
Come petali di rose
Io mi sdraiavo lì
Dove riposa l’onda
Avvolta in un tabì
Restavo sulla sponda
Poi guardavo verso il mare
Scrutando l’orizzonte
Come chi vuole scoprire
Dove l’acqua ha la sua fonte
Aya, aya
Mi sta aspettando
Aya, aya
Però io sto morendo
Aya, aya
Mi sta aspettando
Aya, aya
Però io sto morendo
Il sole ballava
E la luna rideva
E il cuore piangeva
E lei mi guardava
La pelle bruciava
La mano tremava
Il cielo si apriva
E lei mi guardava
Un giorno ascoltai
Una voce dal mare
Fragile mi lasciai
Da lei affascinare
Si racconta che da allora
C’è il pianto d’una sirena
Che svanisce con l’aurora
E torna a ogni luna piena
Aya, aya
Mi sta aspettando
Aya, aya
Però io sto morendo
Aya, aya
Mi sta aspettando
Aya, aya
Però io sto morendo
Il sole ballava
E la luna rideva
E il cuore piangeva
E lei mi guardava
La pelle bruciava
La mano tremava
Il cielo si apriva
E lei mi guardava.

La lambada strofinera

Yo me siento mucho fiacco
Deprimido, triste y stracco
Tiengo un calo de zucchero y non intiendo el porché
Mentre ballo in discoteca
El ginuecchio me se piega
Cammarero por favor un zabaion y un caffè
Invitante segnorita
Yo te quiero da una vita
Chiedo scusa ma esta noche yo dichiaro forfait
Se potrebbe remediare
Forse un po’ recuperare
Solamente con un bailo che me gusta un sacco a me
La lambada strofinera
Me facilita l’azion
Forse è un po’ contrabbandera
Ma vedrai como funzion
La lambada strofinera
Me palpita el corazon
Bailo da mattina a sera
Y me s’alza la pression
Ecco che s’alza, s’alza, s’alza
Guarda esta pressione como s’alza
S’alza, s’alza, o no
Yo me siento mucho meglio
Renfrancato, arzillo y sveglio
Sarà forse la lambada o forse lo zabaion
Dato che insistentemente
Volteggiando tra la gente
Più te astringo y più me siento pizzicar de passion
Invitante segnorita
Te amerei toda la vita
Esta noche es una noche che te invita a sognar
Ondeggiando anima y core
Noi balliamo con amore
La lambada strofinera che può farci innamorar
La lambada strofinera
Me facilita l’azion
Forse è un po’ contrabbandera
Ma vedrai como funzion
La lambada strofinera
Me palpita el corazon
Bailo da mattina a sera
Y me s’alza la pression
Ecco che s’alza, s’alza, s’alza,
Guarda esta pressione como s’alza
S’alza, s’alza, o no
S’alza, s’alza, s’alza
S’alza, s’alza, o no
S’alza, s’alza, s’alza
Guarda esta pressione como s’alza
S’alza, s’alza, o no
S’alza o no
S’alza o no.

Uomini soli

Li incontri dove la gente viaggia e va a telefonare
Col dopobarba che sa di pioggia e la ventiquattro ore
Perduti nel Corriere Della Sera
Nel va e vieni di una cameriera
Ma perché ogni giorno viene sera
A volte un uomo è da solo perché ha in testa strani tarli
Perché ha paura del sesso o per la smania di successo
Per scrivere il romanzo che ha di dentro
Perché la vita l’ ha già messo al muro
O perché in un mondo falso è un uomo vero
Dio delle città e dell’immensità
Se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi
Vediamo se si può imparare questa vita
E magari un po’ cambiarla prima che ci cambi lei
Vediamo se si può farci amare come siamo
Senza violentarci più con nevrosi e gelosie
Perché questa vita stende
E chi è steso dorme o muore
Oppure fa l’amore
Ci sono uomini soli per la sete d’avventura
Perché han studiato da prete o per vent’anni di galera
Per madri che non li hanno mai svezzati
Per donne che li han rivoltati e persi
Oppure perché sono dei diversi
Dio delle città e dell’immensità
Se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi
Vediamo se si può imparare queste donne
E cambiare un po’ per loro e cambiare un po’ per noi
Ma Dio delle città e dell’immensità
Magari tu ci sei e problemi non ne hai
Ma quaggiù non siamo in cielo
E se un uomo perde il filo
E’ soltanto un uomo solo.

La nevicata del ’56

Ti ricordi una volta
si sentiva soltanto
il rumore del fiume
la sera
ti ricordi lo spazio
i chilometri interi
automobili poche
allora
Le canzoni alla radio
le partite allo stadio
sulle spalle di
mio padre
La fontana cantava
e quell’acqua era chiara
dimmi che era così
C’era pure la giostra
sotto casa nostra
e la musica che
suonava
io bambina sognavo
un vestito da sera
con tremila sottane
tu la donna che già
lo portava
C’era sempre un gran sole
e la notte era bella
com’eri tu
e c’era pure la luna
molto meglio di adesso
molto più di così
Com’è com’è com’è
che c’era posto
pure per le favole
e un vetro che riluccica
sembrava l’America
e chi l’ha vista mai
e zitta e zitta poi
la nevicata del cinquantasei
Roma era tutta candida
tutta pulita e lucida
tu mi dici di sì
l’hai più vista così
che tempi quelli
com’è com’è com’è
Roma era tutta candida
tutta pulita e lucida
tu mi dici di sì
l’hai più vista così
che tempi quelli
Roma era tutta candida
tutta pulita e lucida
tu mi dici di sì
l’hai più vista così
che tempi quelli.

Vattene amore

Vattene amore che siamo ancora in tempo,
credi no,
spensierato sei contento,
vattene amore che pace più non avrò né avrai,
perderemo il sonno credi di no,
i treni e qualche ombrello,
pure il giornale leggeremo male caro vedrai,
ci chiederemo come mai il mondo sa tutto di noi,
magari ti chiamerò trottolino amoroso
“Dudu Dadada”
e il tuo nome sarà il nome di ogni città,
di un gattino annaffiato che miagolerà,
il tuo nome sarà su un cartellone che fa’,
della pubblicità sulla strada per me
ed io col naso in su la testa ci sbatterò,
sempre là sempre tu…
ancora un altro po’ e poi ancora non lo so.
Vattene amore,
mio barbaro invasore,
credi di no,
sorridente truffatore
vattene un po’ che pace più non avrò né avrai
e piccoli incidenti caro vedrai
la stellare guerra che ne verrà,
il nostro amore sarà li,
tremante e brillante cosi,
ancora ti chiamerò trottolino amoroso
“Dudu Dadada”
e il tuo nome sarà il freddo e l’oscurità’,
un gattone arruffato che mi graffierà,
il tuo amore sarà un mese di siccità
e nel cielo non c’è pioggia fresca per me
ed io col naso in su
la testa ci perderò
sempre là sempre tu…
ancora un altro po’
e poi ancora non lo so
ancora ti chiamerò trottolino amoroso e
“Dudu Dadada”
e il tuo nome sarà il nome di ogni città,
di un gattino annaffiato che miagolerà,
il tuo nome sarà su un cartellone che fa’ della pubblicità
sulla strada per me ed io col naso in su
la testa ci sbatterò,
sempre là sempre tu…

Ma quale amore

E pensare che in te ci ho creduto
ho vissuto i tuoi anni e col tempo ti ho vista cambiare
così chiusa e distante da non riconoscerti più
poi un silenzio che tocca i ricordi un sottile dolore
ma quali amici dopo tanto amore
Ma quale amore vuoi
una lenta discesa dentro me
per riprendere il volo e fare a meno di te
Ma quale amore vuoi
i tuoi sguardi confondono ancora i discorsi fra noi
a ognuno la sua strada con tutto il suo cambiare
e questa nebbia sale non mi cercare più
È che un anno a passare ci mette una vita
per chi come me è svuotato nel cuore
nei tuoi occhi si spengono tutti i riflessi di allora
mentre il freddo comprime i pensieri e affatica il respiro
ma quali amici dopo tanto amore
Ma quale amore vuoi
se c’è un vento che soffia su di noi
rallentando le ore fino a farci sparire
Ma quale amore vuoi
se mi fermo un momento a guardare indietro non so più chi sei
il lago in controluce e tutto è irreale
l’inverno di finire non ne vuol sapere
siamo qui io e te
a prolungare ancora questo addio
un anno dopo tutto è uguale ma
è un anno dopo
poi riprendere il volo e fare a meno di te
Ma quale amore vuoi
i tuoi sguardi confondono ancora i discorsi fra noi
a ognuno la sua strada con tutto il suo cambiare
e questa nebbia sale non mi cercare più.

Verso l’ignoto

Va questo autunno lento va
Come un fiume che non sa
Dove andare ma va
E cerca il mare
Va la mia vita scorre
Come pioggia su un ciliegio
Senza indugio va
Segue la valle
Ma io (lo confesso)
Vorrei (Anche adesso)
Che l’orizzonte fosse
Familiare (Come il volto)
Sorridente (Di mia mamma)
Che ancora ninna nanna
Cantasse piano
Per me (Che mi sento)
Per me (Quasi vento)
Che avanzo con fiducia
Indifesa (Come un vaso)
Trasparente (Con la mente)
Che cerca un po’ d’amore
Ovunque amore ci sia
Va questo azzurro aereo va
Scintillante se ne va
E mi porta con sé
Verso l’ignoto
Ma io (lo confesso)
Vorrei (Anche adesso)
Che l’orizzonte fosse
Familiare (Come il volto)
Sorridente (Di mia mamma)
Che ancora ninna nanna
Cantasse piano
Per me (Che mi sento)
Per me (Quasi vento)
Che avanzo con fiducia
Indifesa (Come un vaso)
Trasparente (Con la mente)
Che cerca un po’ d’amore
Ovunque amore ci sia.