Pè dispietto

Canto pè dispietto, pè chi se crede ca sto zitto.
Canto pè cantà, pè tutt”e storie ‘a raccuntà,
ca forse nun se ponno dì
e ca nisciuno vò sentì,
ca forse non se ponno dì
e ca nisciuno vò sentì…
Canto pè dispietto,
pè tutt”o male ca s’i fatto.
Canto pè cantà,
pè chi nun se vo accuntentà,
pè chi se crede meglio ‘e ll’ate
sulo pecché cchiu ‘ncopp’è nato,
se sape ‘a storia è sempe chella,
chi nasce preta e chi ‘na stella…
Chi nasce pretra e chi stella…
(1) Cca nun se parla cchiù,
e sott”o stesso cielo
fatto pè ‘ncantà,
stammo senza ce guardà,.
Cca nun se parla cchiu,
se va sempe fujenno,
(2) andiamo sempre di corsa
e ‘a vita se ne va,
senza storie ‘a recconta…
Canto pè cantà,
pè chi nun sape cchiu aspettà
pè tutt”o tiempo ca e passato
e nun ce simmo maie truvate.
Pè tutt”o tiempo ca è passato
e nun ce simmo maie truvate…
Canto pè dispietto,
e ‘o core sbatte forte ‘mpietto
(3) sapenno forse ca ce sta
‘na strada pè ce fa ‘ncuntrà,
sapenno forse ca ce sta
‘na strada ca ce fa ‘ncuntrà…
Ccà nun se parla cchiù
e sott’o stesso cielo,
fatto pè ‘ncantà,
stammo senza ce guardà…
Ccà nun se parla cchiù,
se va sempre fujenno,
e ‘a vita se ne va
senza storie ‘a raccontà…
Chi nasce pietra e chi stella…
Andiamo sempre di corsa
nel petto.

Uomo allo specchio

Come può un bambino immaginare che ci sia
tanta gente onesta in questo mondo di follia
quanta sisurezza in suo padre troverà
se si arrabbia sempre per i soldi che non ha.
Per la strada sceglierà gli amici più sicuri
i più forti
i prepotenti e duri
e una ragazzina sveglia
di quelle che ti danno
tutto e subito.
E quel bambino fragile
è diventato un uomo
un uomo che non amerà nessuno
lo eviti per strada e nel lavoro
ma i suoi occhi
li trovi ogni mattina nel tuo specchio
come puoi cambiare, uomo solo, il mondo se
prima che diventi uomo il mondo cambia te
l’onestà oramai ti sembra sia una malattia
che ti fa morire come un cane in una via
e chi si sente solo vive sempre da egoista e da vigliacco.
Suo figlio sarà peggio
avrà l’istinto della jena
e la sua triste cena
che sapore avrà.
E quel bambino fragile
è diventato un uomo
un uomo non amato da nessuno
lo evitano tutti, anche tu
però quegli occhi
li trovi ogni mattina nel suo specchio
e se non l’hai capito
te lo dico adesso, amico mio.
Sei tu quell’uomo
quell’uomo sono anch’io.

Per niente al mondo

Mentre la notte passa attenta tra due pareti di vernice fresca
mentre due cani sono in cerca solo di un fischio che li chiami
mentre qualcuno sta dormendo sopra i guanciali della sua coscienza
si accende una finestra, le ombre sembrano aeroplani
E mentre l’acqua senza fretta disseta il legno delle barche vuote
mentre la luna non si ferma nemmeno se la sto a guardare
perché la vita è una tempesta e c’è chi scappa e c’è chi resta
e mentre questo giorno non si stanca mai
E mentre il mondo respira tu che cosa fai
E mentre non ci sei perché respira il mondo
mentre tu lo sai che non ti cambierei per niente al mondo
non ti accorgi che il mondo cambia anche per te.
E la mia porta è ancora aperta come un invito da non rifiutare
e se una festa suona musica anch’io vorrei ballare
Mentre un semaforo lampeggia e se ne frega di chi ha precedenza
mentre l’amore adesso è un rischio e non soltanto un’imprudenza
mentre i discorsi degli amici fanno di tutto per sembrare uguali
c’è una speranza ancora nuova in libertà
E mentre il mondo respira tu che cosa fai
E mentre non ci sei perché respira il mondo,
mentre tu lo sai che non ti cambierei per niente al mondo,
non ti accorgi, ma il mondo cambia anche per te
il mondo cambia anche per me
Mentre so che io, io non ti cambierei per niente al mondo
tu per niente al mondo cambieresti
E la mia porta è ancora aperta come un invito da non rifiutare
e se una festa suona musica anch’io vorrei ballare
E la mia porta è ancora aperta come un invito da non rifiutare
e se una festa suona musica, anch’io vorrei ballare.

Zitti zitti (Il silenzio è d’oro)

Perché voi siete i protagonisti
il crollo dell’impero comunista
milioni di supervalutazione
il monopolio dell’informazione
indagine aperta, inchiesta archiviata
meno zucchero più goal granata
ferma condanna, gusto speciale
missile, bomba o cedimento strutturale
gladio, stadio, la tua radio
grande concorso la lotta alla mafia
il prodotto che rispetta la natura
questa piaga della droga e mantiene la cottura
emergenza albanesi, emergenza immigrati
Tomba la bomba, piccone, P2
non arrivare preparati all’appuntamento del 92
a voi la linea, allarme ambiente
crisi del golfo, bombe intelligenti
guerra, tempesta, Maradona
la strage del sabato sera
Estonia, Lettonia, Lituania
la crisi, la crisi, la crisi, la crisi,
parole parole che sono rumore
parole parole che sono rumore, rumore.
silenzio.
e allora zitti zitti, non riflettere, non discutere
ma sentire col cuore, buttarsi a capofitto
e allora zitti, zitti, dritto verso il centro
non fuori ma dentro,
non rumore ma silenzio:
non gridare ma ascoltare
non forzare ma lasciarsi andare
non imparare ma dimenticare
il silenzio è lo spazio per poter pensare.
e allora zitti zitti che il silenzio è d’oro
ed anche quando siamo tanti, stiamo zitti in coro
c’è tanto chiasso intorno che non si calma mai
parole su parole su parole parole fra noi
ma se si parla perché si ha la lingua in bocca è meglio
muti come pesci, è meglio acqua in bocca
perciò se un bel tacere non fu mai scritto
zitti zitti, il silenzio è d’oro… ecc.

Favola blues

E piove e cerchi il mare:
l’ azzurro dei tuoi sogni e spazi più profondi,
una carezza condita di sale…
E piove e cerchi il mare:
sarà malato, forse un poco mosso, incerto,
ma hai bisogno di lui.
E piove e cerchi il mare:
un grido di gabbiani e sabbia tra le mani,
una conchiglia che faccia rumore…
E piove e cerchi il mare:
all’orizzonte dietro quelle onde eterne,
un tramonto non c’è.
Soffia il maestrale contro quella nave, dentro nei tuoi occhi:
che promessa esplicita!
Tienilo per mano, lui ti porterà lontano,
fino in Sud America.
Sono i sentimenti quelli a cui rispondi,
non impulsi stupidi.
Non lasciarti andare,
pensa di volare, lui sarà con te.
Mare senza fine, mare di balene, di coralli fragili,
mare di nessuno, mare di Nettuno, mare grande anima,
canto di sirene nella luce della luna a Nord-Est.
E piove e cerchi il mare:
le vele sottovento,
un marinaio attento ed una stella per farti orientare.
E piove e cerchi II mare:
l’ Oceano Indiano, il Mediterraneo ed il Mar Nero
fa lo stesso per te.
E piove e cerchi il mare:
il salto di un delfino,
un’isola vicino ed una rete per farti pescare.
E piove e cerchi il mare:
il suo segreto, forse una leggenda antica,
una favola blu, il suo segreto, forse una leggenda antica.

Perché

L’anno nuovo per magia deponeva regali
la tristezza, l’allegria ed i giorni normali
l’anno vecchio stava lì mento in mezzo alle mani
come chi ha finito ormai i domani e non sa perché
perché, perché, perché.
nella luminosità di un trascorso natale
con il vento che da nord dava un freddo glaciale
l’anno nuovo si girò e colpì di pugnale
l’anno vecchio che morì senza avere alcun male.
L’anno nuovo scese giù in un mondo di festa
seminando gioventù e altre felicità
e ballò sui grandi amori e sugli onori come un re
ubriacato da quel succo che la vita ha dentro sé
prima di scoprire il trucco dei perché
perché, perché, perché.
si sposò il suo primo figlio fu un gennaio gentile
ma a febbraio si drogò e lo perse ad aprile
il successo lo inseguì svelto come un leopardo
lui pian piano si inghiottì nel suo primo miliardo.
Poi d’estate si buttò nelle onde del mare,
fra le alghe e i pedalò e autostrade di gas,
a settembre un po’ di tosse nell’orgoglio lo ferì
e capì di aver vissuto troppo in fretta, adesso che
stava stretto nell’imbuto dei perché
perché, perché, perché…
nell’inverno…
nell’inverno si specchiò gli affittò una stanza
su con la vita sul mondo quando poi lo accarezzò
come un ultimo figlio la sua mano gli sembrò
un inutile artiglio.
L’anno nuovo stava lì con la faccia da killer
l’anno vecchio si sentì come mille anni fa
e partì senza capire quel dolore che cos’è…
quella favola infinita dei perché
perché, perché, perché, perché,
perché, perché, perché, perché.
perché.

Femmene ‘e mare

‘E femmene ‘e mare so’ femmene amare
So femmene doce so’ femmene overo ‘Femmene
‘e mare nun rideno maie
Nun rideno maie nun so’ maie sincere
‘E femmene ‘e mare sa portano ‘a dinto
Sa portano ‘a dinto alleria do campa’
‘E femmene ‘e mare nun sanno ta ammore
Ma songhe criature ma sanno sunna’
‘E femmene ‘e mare so’ femmene sole
So femmene annure vestute e paure
E guardano n’cielo e se fanno a croce
E gghiastemmano sempe nun tenene pace
‘E femmene ‘e mare se torcene e mane
Se schiattano n’cuorpo p’arraggia
‘E femmene ‘e mare se mettono scuorno do viento
Che passa tuccannele e cosce
‘E femmene ‘e mare s’annasconneno ‘o fcore
Areto a ‘sta luna tutt’è wote che gghiesce
‘Femmene ‘e mare addorano e sale
‘E o bene co’ male cu a notte fernesce
E o juorno s’affaccia n’fucato a ‘stu sole
‘Stu sole c’appiccia ‘sti tacce ‘e paura
Chist’uocchie sperdute e chi aspetta a nisciune
Chist’uocchie e speranza e chi aspetta a furtuna
‘E femmene ‘e mare se torcene e mane
Se stipano n’cuorpo p’arraggia
‘E femmene ‘e mare sa portano n’cuolle ‘sta sciorta
Nu scialle e ‘o tiempo che passa.

Piccola Africa

Bambini gonfiati cnme copertoni…
Bandiere instabili e vita tra i bidoni…
Ma sotto un cielo blu
che da un’idea di libertà
e così alto,
non vede, non sa…
E sulla strada intanto c’è un figlio tuo
e dentro gli occhi parla di te…
mi chiederà se può pulirmi il vetro o no…
e cosa gli diro
AFRICA,
tu dove vai?
No, non lo sai
neanche tu…
neanche tu…
AFRICA,
tu cosa vuoi?
Qui no, non si può vivere…
e il sogno tuo
è un altro addio…
Quanta AFRICA nell’Europa c’è
ferma ad un semaforo senza perché…!
Ma io da quale parte sto
fra chi domanda e chi non da…!
io che cosa posso fare per la piccola AFRICA.
AFRICA,
bianca oramai…
nera per noi!
Dove vai…?
… dove sei … ?
Tu piccola AFRICA
sei già qui tra di noi…
e se l’idea di vivere
dividiamo a metà
forse cambierà…!

Gli uomini non cambiano

Sono stata anch’io bambina di mio padre innamorata
per lui sbaglio sempre e sono la sua figlia sgangherata
ho provato a conquistarlo e non ci sono mai riuscita
e ho lottato per cambiarlo ci vorrebbe un’altra vita.
La pazienza delle donne incomincia a quell’età
quando nascono in famiglia quelle mezze ostilità
e ti perdi dentro a un cinema a sognare di andar via
con il primo che ti capita e che ti dice una bugia.
Gli uomini non cambiano
prima parlano d’amore poi ti lasciano da sola.
Gli uomini ti cambiano e tu piangi 1000 notti di perché.
E invece gli uomini ti uccidono
e con gli amici vanno a ridere di te.
Piansi anch’io la prima volta stretta a un angolo e sconfitta!
lui faceva e non capiva perché stavo ferma e zitta
ma ho scoperto con il tempo e diventando un po’ più dura
che se l’uomo in gruppo è più cattivo
quando è solo ha più paura.
Gli uomini non cambiano
fanno i soldi per comprarti e poi ti vendono la notte.
Gli uomini non tornano e ti danno tutto quello che non vuoi
ma perché gli uomini che nascono
sono figli delle donne ma non sono come noi.
Amore gli uomini che cambiano
sono quasi un ideale che non c’è
sono quelli innamorati come te.

Piccoli giganti

Il tempo qui non passa mai
in questo grigio di città
quando il cielo mi fa paura
si può morire di poesia
od impazzire di realtà.
Prigionieri di queste mura
dove sei principe del blu
principessa delle stelle
ti chiamavano amore e libertà
ora chiedi la mia pelle
non è un gioco da ragazzi
fare i grandi e poi crescere
senza fare passi falsi mai
e andare avanti
come piccoli giganti
fuorilegge ma sarà così
che diventeranno uomini
anche da soli!
La solitudine mi fa
a volte troppa compagnia
nel silenzio della mia stanza
dove sei quando ti vorrei
quando cresce la mia rabbia
se mi perdo non andare via
come un segno sulla sabbia.
Dove sei amico dei miei guai
quando c’è da stare male
la ferita non si è chiusa mai
e adesso bruci più del sale.
Siamo piccoli giganti
fuorilegge ma sarà così
che diventeremo uomini
anche da soli
non è un gioco da ragazzi
fare i grandi e poi crescere
senza fare passi falsi mai.