Il mare delle nuvole

Dimmi se a volte anche tu hai sognato
Di fare un tuffo lassù
Nel mare delle nuvole
Dimmi se sai
Il suo significato
Sarà il bisogno di uscire dai muri
Di tante case
Di tanti cuori
Muri che rinchiudono dentro
Cresciuti con me
Quanto tempo ci vorrà
Per venirne fuori, più fuori
Perché non è bastato mai
Far finta di star bene da soli
Stai qui con me
Accanto a me
C’è posto per un sogno
Se credi
Stai qui con me
Accanto a me
Perché di te ho bisogno
Non vedi
Non vedi quanto amore che mi corre dentro i polsi
E che ritrovo dentro a tutti i miei discorsi
Non vedi che vorrei poterlo regalare
E a chi non ne ha
Ne darò di più
Specialmente poi se a chiederlo sei tu
E ci si prova sempre un po’
A spingere la vita più avanti
Cos’è il benessere però
Se poi ci si ritrova distanti
Stai qui con me
Accanto a me
A questa testa mia confusa
Stai qui perché
Mi trovo persa
In questa gabbia di stelle che è
L’universo intorno a me
Non vedi quanto amore che mi agita i respiri
E che ritrovo dentro a tutti i miei pensieri
Non vedi che vorrei poterlo regalare
E a chi non ne ha
Ne darò di più
Specialmente poi se a chiederlo sei tu
Specialmente poi se a chiederlo sei tu.

Qui gatta ci cova

Qui gatta ci cova
Bollente e misteriosa
è a casa o per strada
Se scappa chi le busca non si sa
Graffiò amori nel passato
Sente il bisogno di carnalità
Tutta la notte e anche il giorno
Per me tu sei follia, malia, faina
E tu m’è fatto ‘na rapina
Qui gatta ci cova
L’anima mi strapperà
Io la cerco non m’ama
La voglia fino all’osso arriverà
Cercherò tra vicoli e portoni
Devo bruciare il maschio che c’è in te
Il ritmo corre batte in testa
Per me tu sei follia, malia, faina
E. tu m’hai fatto una rapina, faina
Come una perla sono pronto a rotolare
Saltare saltare
L’orologio porta sempre il tempo
Un po’ veloce a volte troppo lento
La gatta felina quatta quatta sta
Ma chi t’ha ditto ca nun ce ‘a faccio
A te acchiappà, stai sotto un cielo
Qui gatta ci cova
Aperto oppure dentro a un letto
Qui gatta ci cova
Forse per strada, a casa, al bar o
La febbre ti assale
Nel deserto
Tu la cerchi e non c’è
Senza ragione attacca una nuova
È canzone, invece poi mi accorgo che
È un’illusione, la gatta sul tetto
Sul tetto che scotta, si nun me stongo
Accorto piglio pure e botte, e poi e
Poi spero che finirà sento la mamma
Grida ma chi to fa fa’
Come un delirio è questa febbre che mi assale
Follia, malia, faina
Tu m’hai fatto una rapina, faina
Tu m’hai fatto una rapina, faina, felina
Tu m’hai fatto una rapina, faina.

In te

Risalirò col suo peso sul petto
come una carpa il fiume
mi spalmerò sulla faccia il rossetto
per farlo ridere
per lui poi comprerò
sacchetti di popcorn
potrà spargerli in macchina
per lui non fumerò
a quattro zampe andrò
e lo aiuterò a crescere.
Lui vive in te
si muove in te
con mani cucciole
è in te
respira in te gioca e non sa
che tu vuoi buttarlo via.
Gli taglierò una pistola di legno
gli insegnerò a parlare
Per lui mi cambierò, la notte ci sarò
perché non resti solo mai
per lui lavorerò, la moto venderò
e lo proteggerò aiutami.
Lui vive in te
Lui vive in te
o sta provandoci
è in te, si scalda in te
dorme o chissà,
lui sta già ascoltandoci.
Lui si accuccerà
dai tuoi seni berrà
con i pugni vicini
tra noi dormirà
un po’ scalcerà
saremo i cuscini noi due.
il figlio che non vuoi
è già con noi.
Lui vive in te
si culla in te
con i tuoi battiti
è in te
lui nuota in te
gioca chissà…
è lui il figlio che non vuoi.

Sogno

Agli angoli dagli occhi
ci sono rami secchi
sono strade che ho tentato.
attraverso il mare
la notte che paure
sono arrivato fino qua.
Ma non lo so
se son felice o no
sai mi difendo bene
da questo mondo infame
poco fumo e poca realtà.
Sogno che ci sei ! sogno
che mi vuoi vieni amore dai sognami anche tu.
Nei cuori dei ragazzi
dei sogni grandi e pazzi
volano sulla città.
Poi vengono le sere
telefoni a un amico
da soli non si sta.
E io non lo se
se son felice o no
ma mi difendo bene
da questo mondo infame
poco fumo e poca realtà.
Sogno che ci sei sogno
che mi vuoi vieni amore dai sogno anche per te.
Sogno che farò
e ogni sogno riuscirò
e a guardarmi sarai tu
ci credo sempre di più.
Il mondo, il mondo
è appeso in aria
tra la notte e il giorno.
Sogno che ci sei
sogni amici miei
noi si che non ci siamo persi
nessuna livida mattina
ci vincerà.
La luna è ancora così in alto
è tutta per noi
amore mio chi sei
sogno insieme a te.

L’alba

L’alba copre col suo pianto
Sassi e fiori nel giardino
Sono gocce di rugiada che
Non hanno il sapore del mare, del mare
Del mare, del mare
Sopra i banchi delle scuole
Quanti nomi legati da un cuore
Nei dispetti e le risate
Io vedevo il colore del mare, del mare
Del mare, del mare
Tra le mani della gente
C’è la storia
Di tutto e di niente
Sotto un cielo
Di parole
Vola il tempo
Della vita
Questa vita
Un motore senza fiato
Cerca gli occhi di un domani
Nel sudore del passato
Resta solo l’odore del mare, del mare
Del mare, del mare
E riparte il carrozzone
Per un mondo che vuole un sorriso
Fra i rifiuti della strada
S’addormenta la voce del mare, del mare
Del mare, del mare
Tra le mani della gente
C’è la storia
Di tutto e di niente
Nasce l’alba
Con un pianto
Nella vita
Nella vita
Questa vita.

Stato di calma apparente

Sono sul mio treno
Dolce movimento
E il cuore guida la mia mano
Scrivo piano riflettendo
Sul bisogno di cambiare che c’è in me
Fuori e dentro me
E ricordo da lontano
La solitudine di ieri
Un continuo adattamento
Alle curve, al sentimento
All’universo che non si muove dentro me
Fuori e dentro me
È uno stato di calma apparente
È una forma di amore costante
In questo mare negli occhi tuoi, occhi tuoi
Nella tempesta negli occhi tuoi, occhi tuoi
Sono sul mio treno
Ridono mamme coi bambini
Affacciate dalle case
Prima della galleria
E il buio accende ancora fuochi dentro me
Dalla vita mia
È uno stato di calma apparente
È una forma d’amore costante
In questo mare negli occhi tuoi, occhi tuoi
Nella tempesta negli occhi tuoi, occhi tuoi
In questo mare negli occhi tuoi, occhi tuoi
Nella tempesta negli occhi tuoi, occhi tuoi.

L’amore vero

L’amore vero viene una volta sola
Ha un passo particolare sia per strada che tra le lenzuola
E uno sguardo attento che nulla ti possa fare male
Non ha un documento ma solo un fluido eccezionale
L’amore vero ha un congegno misterioso
Entra in funzione all’improvviso tracciando un fulmine nel sospeso
è un’endovena di energia è una reazione nucleare
è un miscuglio di follia dolcemente animale
E tu che hai quegli occhi tipici di chi l’ha conosciuto bene
E i polsi stretti da due invisibili catene
Vorresti credere che possa capitare ancora
Quel sentimento che non sia solo di un’ora
E tu che hai gli occhi che non ridono da tempo
è una galera questo mini appartamento
Troppo silenzio urla forte e da dolore
Ma il tempo passa e si indebolisce il cuore
L’amore vero quando lo trovi tienitelo stretto
Non fargli mancare niente coltiva una rosa per ogni difetto
Fallo crescere in buona terra e che l’acqua sia in abbondanza
Dagli un cuscino di sicurezza e una coperta di speranza
L’amore vero dà quel passo così sicuro
E nuove cellule alla giovinezza e all’improvviso ti senti nuovo
E non conosci orari e non conosci distanze ma soffia un vento
Gentile che disperde le ansie
E tu che hai quegli occhi tipici di chi non sa più cosa fare
E i nervi tesi da un’attesa di paure vorresti credere
Che possa ritornare ancora quel sentimento
Che non sia solo di un’ora
E tu che vivi senza sogni ormai da tempo
L’anima stretta in questo mini appartamento
Troppe incertezze e qualche cosa che non muore
Ma il tempo passa e s’inaridisce il cuore
L’amore vero viene una volta sola
Rimette tutto in discussione ogni tuo passo ogni parola
E interroghi un amico e chiedi ad un dottore
E sa perché finisce l’amore vero.

Stiamo come stiamo

Stiamo come stiamo mezzanotte nella mano
Di qua dal cielo e pertanto
Slacciati i pensieri dura finché dura questa eternità
Stiamo come stiamo usati di seconda mano
Nel cuore un buio totale
L’unico innocente che sorride e fa i miracoli che fa
Lega questa sera i tuoi bottoni della giacca
Ci pensi ancora a morire
La felicità da quale parte si è nascosta
Onda su onda verrà
Stiamo come stiamo con quel muso da aeroplano
E un gatto rosso di colore
Presi in contropiede da una nuvola di semioscurità
Giorni senza scuola giorni rabbia che poi vola
In mezzo ai piatti di carta
Stiamo rotolando come tanti cuori in gola
In cerca ancora di noi
Ma i fari passano tagliando la notte sopra il mare
C’è una piramide di cielo ancora da scalare
Per noi soldati di ventura in questo metro quadro
Sì però adesso è molto dura
Lo sfameremo questo amore così magro
Stiamo come stiamo mezzanotte nella mano
Di qua dal cielo e pertanto
Slacciati i pensieri e dura finché dura questa eternità
Sono sabbie mobili le terre di speranza
Ma non c’è strada migliore
La felicità da quale parte si è nascosta
Onda su onda verrà
Ma i fari passano tagliando la notte sopra il mare
C’è una piramide di cielo ancora da scalare
Per noi soldati di ventura in questo metro quadro
Lo sfameremo questo amore così magro
E i fari passano tagliando la notte sopra il mare
E quelle stelle sulla testa nascondono sorprese
I sogni partono fischiando le ruote sui dolori
Restiamo appesi con lo sguardo
Che forse i tempi sono meno duri.

L’Italia è bbella

Addò si’nnata tu, ‘a sera ‘o cielo è rosa
E ll’acqua è comm’e ll’oro, è preziosa
E ‘a sabbia ‘nfonne tutt”e ccose
Addò sì nnata tu, ‘o sole abbrucia ‘a pelle
E ‘a notte cchiù vicine songh”e stelle
E ce ne stanno a mmille a mmille
Ah, tu ca sunnave ‘e tè fa’ accumpagnà d”o viento
Penzaste, che ffurtuna, ‘a vita in Occidente
E cchesto è assaje pè cchi nun tene niente
Quanta criature arrivano ‘a luntano
Pè vedè ‘e crescere ‘stu grano
Ah’, ll’Italia è bella pè cchi tene ‘a faccia nera
Ma areto ‘a ‘sta ricchezza sapisse che amarezza
E te ne accuorgè quanno scenne ‘a sera
E ppienze ‘o cielo tuojo ch’è rosa
E ‘a luna già sta llà
Mentre n’airone se ne va
Addò tu si’ vvenuta è tutto n’atu munno
A num è comme te pareva ‘nzuonno
E mmo’ ca’o tiempo sta cagnanno
Addò tu si’ vvenuta quacche sera chiove
E nun è doce chello ca sèprova
Penzanno a cchesta vita nova
Ah’, ll’Italia è bella pè cchi tene ‘a faccia nera
Ma areto ‘a ‘sta ricchezza sapisse che amarezza
E te ne accuorgè quanno scenne ‘a sera
E ppienze ‘o cielo tuojo ch’è rosa
E ‘a luna già sta llà
Mentre n’airone se ne va
Quanno scenne ‘a sera
E ppienze ‘o cielo tuojo ch’è rosa
E ‘a luna già sta llà
Mentre n’airone se ne va.

Sulla strada del mare

C’è un ragazzo che trascina il suo giubbotto
Sulla strada del mare
Dalle strisce che gli scivolano sotto
Lui si fa attraversare
E gli alberi diventano persone
Che lo chiamano piano
Gli batte il cuore con sottile alterazione
E lo porta lontano da qui
C’è mio padre senza frusta e senza gola sulla strada del mare
E noi due che facevamo sega a scuola
Annusandoci il cuore
L’amico preso a botte in un portone
Per sentirmi più uomo
C’è un contatto a rischio giù nella stazione
Ma un fottuto ti amo dov’è
Camminiamo sulla strada del mare buttiamo i vestiti come vecchie idee
E cammino provo sguardi più duri poi tiro bottiglie ad un camion che va
Chiedo tempo per me
Ad un Dio che non c’è
Però il freddo sta bucandogli la pelle
Sulla strada del mare
Lui che correi con le mani tra le ascelle
E gli balla il sedere
Poi sputo i miei ricordi contro il vento
Ma ricadono addosso
Con i piedi scorticati dal cemento
Che non lasciano traccia di me
Camminiamo sulla strada del mare la sabbia tra i piedi ora non brucia più
E cammino comincio a nuotare per nascere ancora schizzando via il blu
Chiedo tempo per me
Ad un Dio che non c’è
Fammi riprovare a dire t’amo
Sulla strada del mare
Fare ancora gli stronzi ancora non possiamo
Ci dobbiamo fidare
Anche se è un po’ ruvida o sfigata
è una vita da usare va tenuta
Con i denti morsicata
Sulla strada del mare
Sulla strada del mare.