Esser duri

Esser duri
Con se stessi esser rigidi
Esser duri
Con se stessi esser critici
Cerco
Il meglio dentro di me
Poi è la vita
Che mi porta con sé
Esser duri
Stare attenti
Esser vigili
Esser forti
Ma sempre disponibili
Cerco
Il meglio dentro di te
Poi è la vita
Che mi porta con sé
E non si vince
E non si perde
E non so che cosa farò
Vivo la vita
Vivo cercando
Non so cosa diventerò
Dolce
E cattiva com’è
è la vita
Che ci porta con sé
Esser svegli
Dai compromessi
Esser liberi
Esser svegli
Ma sempre disponibili
Cerco
Dentro e fuori di me
Poi è la vita
Che mi porta con sé
E non si vince
E non è senza dolore
E non so che cosa farò
Ma io so bene
Il bisogno d’amore
Cerco sempre di darne un po’
Dolce
E violenta com’è
è la vita
Che ci porta con sé
Dolce
E violenta com’è
è la vita
Che ci porta con sé.

Passerà

Le canzoni non si scrivono ma nascono da sé
son le cose che succedono ogni giorno intorno a noi
le canzoni basta coglierle ce n’è una anche per te
che fai più fatica a vivere e non sorridi mai.
Le canzoni sono zingare e rubano poesie
sono inganni come pillole della felicità
le canzoni non guariscono amori e malattie
ma quel piccolo dolore che l’esistere ci dà passerà,
passerà se un ragazzo e una chitarra sono li come te,
in città a guardare questa vita che non va
e che ci ammazza d’illusioni e con l’età delle canzoni passerà
su di noi finiremo tutti in banca prima o poi
coi perché, i chissà e le angosce di una ricca povertà
a parlare degli amori che non hai
a cantare una canzone che non sai
come fa perché I’hai perduta dentro
e ti ricordi solamente passerà…
In un mondo dl automobili e di gran velocità
per chi arriva sempre ultimo per chi si dice addio
per chi sbatte negli ostacoli della diversità
le canzoni sono lucciole che cantano nel buio
passerà prima o poi questo piccolo dolore che c’è in te
che c’è in me, che c’è in noi
e ci fa sentire come marinai in balia del vento
e della nostalgia a cantare una canzone che non sai
come fa ma quel piccolo dolore
che sia odio, o che sia amore.
Passerà, passerà anche se farai soltanto la la la passerà,
passerà e a qualcosa una canzone servirà
se il tuo piccolo dolore che sia odio, o che sia amore …
…passerà.

Fuori

Capita stasera capita
Che vivo tutto se mi va
Libera stasera libera
Mi gioco tutto, capita, capita
Capita stasera capita
Io salto il muro se mi va
Libera stasera libera
Domani all’alba si vedrà
Mi muore l’entusiasmo tra le mani
Se oggi non mi muovo di qua
Intanto butto giù Tequila bum bum
Tu lo sai, capita che una sera sei
Fuori e la vita va
Un’avventura giù in città
Tra miserie e verità
Io mollo tutto e mi precipito
Fuori a volte capita
La vita scivola
Tra colori e vanità
Fuori capita
Facile passare il limite
Saltare il muro della libertà
Ma l’anima non fa casino lei
E liberi non siamo mai
Il traffico che corre lungo i viali
è una giostra sulla città
Ed io ci salto su, un’illusione di più
Tu chiamami stupida, ma stasera sto
Fuori e la vita va
Buona fortuna giù in città
Tra miserie e verità
Io mollo tutto e mi precipito
Fuori e la vita va
Non posso vivere a metà
Tra illusioni e verità
Fuori capita
Fuori capita, fuori capita
Io mollo tutto, io mollo e mi precipito
Fuori su una strada che va
Gira la testa domani ci lascerà
Soli ingannati a metà
Sorpasso da destra e son fuori
Fuori dalla città
Capita, capita, a volte capita.

Possiamo realizzare i nostri sogni

Entri
A scuola quasi all’alba
Sul banco appoggi i sogni
Fedeli come sempre
Gli occhi sopra i libri
Ma stai volando, libero
Sopra ogni follia della città
Quanti pensieri corrono
Come aquiloni pazzi
Catturati dal vento
Ma noi
Possiamo realizzare i nostri sogni, oggi
Forse tra pochi giorni
Come in una favola, come in una canzone
Come in una favola, come in una canzone
Guardati intorno
E nelle strade
Lì non c’è un professore
Che ti spiega la vita
Madri, figli e fratelli
Stessa storia di sempre
E si potesse almeno una volta
Regalarsi il presente
Ma noi
Possiamo realizzare i nostri sogni, oggi
Forse tra pochi giorni
Come in una favola, come in una canzone
Come in una favola, come in una canzone
Fuggiamo via da qui, adesso via da qui
Possiamo realizzare i nostri sogni, oggi
Forse tra pochi giorni
Come in una favola, come in una canzone
Come in una favola, come in una canzone
Come in una favola
Come in una favola, come in una canzone
Come in una canzone.

I giardini d’Alhambra

I giardini d’Alhambra profumano di cedro
Ed hanno nostalgia di mezzelune e minareti
I giardini d’Alhambra al vento
E se il vento dell’est porta il polline lontano
Non è l’Andalusia ma è l’oceano infinito
Soluzione non è chiudersi in sé
Fuggire la realtà
Solitudine se non capirai
Che il tuo domani è già
Sona lu caloscione
(Suona il caloscione)
‘Na villanela a ddoje voce
(Una villanella a due voci)
Sto cantando sul ‘je
(Sto cantando da solo)
Ma ‘a fantasia comm’è doce
(Ma la fantasia come è dolce)
S’arape ‘o barcone
(Si apre il balcone)
E ‘na voce se sente
(E una voce si sene)
Me risponne a cantà
(Mi risponde a cantare)
‘Na villanela a ddoje voce
(Una villanella a due voci)
Sto sunnanno sul’je
(Sto suonando da solo)
Sempe ‘nchiuse ‘o barcone
(Sempre chiuso il balcone)
Pare cchiù astritte stu viche
(Sembra più stretta questa strada)
Nun me po’ cunzulà
(Non mi può consolare)
Manco ‘na musica antica
(Nemmeno una musica antica)
Se strujeno ll’ombre
Pe lu juorno ca vene
Ma nun vonno vedé
Chi st’uocchie meje si è nu suonne
E sta voce nun c’è
Saracena è la luna
Ed i nomi delle stelle
Non trovi un cavaliere che
Attraversi ancora il mare
Saracena è la luna e il cielo
I giardini d’Alhambra
Sono chiusi nel passato
Non c’è una rosa che
Germogli sola tra le arcate
Soluzione non è chiudersi in sé
Fuggire la realtà
Solitudine se non capirai
Che il tuo domani è già
Sona lu caloscione
(Suona il caloscione)
‘Na villanela a ddoje voce
(Una villanella a due voci)
Sto cantando sul ‘je
(Sto cantando da solo)
Ma ‘a fantasia comm’è doce
(Ma la fantasia come è dolce)
I giardini d’Alhambra
Sono chiusi nel passato
Non c’è una rosa che
Germogli sola tra le arcate
Sona lu caloscione
(Suona il caloscione)
‘Na villanela a ddoje voce
(Una villanella a due voci)
Sto cantando sul ‘je
(Sto cantando da solo)
Ma ‘a fantasia comm’è doce
(Ma la fantasia come è dolce)
S’arape ‘o barcone
(Si apre il balcone)
E ‘na voce se sente
(E una voce si sene)
Me risponne a cantà
(Mi risponde a cantare)
‘Na villanela a ddoje voce
(Una villanella a due voci)
Sto sunnanno sul’je
(Sto suonando da solo)
Sempe ‘nchiuse ‘o barcone
(Sempre chiuso il balcone)
Pare cchiù astritte stu viche
(Sembra più stretta questa strada)
Nun me po’ cunzulà
(Non mi può consolare)
Manco ‘na musica antica
(Nemmeno una musica antica)
Se strujeno ll’ombre
Pe lu juorno ca vene
Ma nun vonno vedé
Chi st’uocchie meje si è nu suonne
E sta voce nun c’è.

Propiziu ventu

Propiziu ventu scinni senza frenu
Nt’u vernu ca è ‘ra culla d’a burrasca
Propiziu ventu subb’a terra aperta
Oppuri dinta l’anima ‘e na fresca
Propiziu ventu vuli nt’i capiddri
E linchj i campi cu ra seminanza
Ca po’ vulare finu addruvi i stiddri
Su sparpagghjati dint’a luntananza
Ventu ventu va
Scarabocchjannu cu ‘ru fiatu
‘U cielu chjno e nuvole
Ventu ventu va
Cambiando rotta a tutto ciò che noi
Chiamano i pensieri e i desideri
Propiziu ventu i panni a ‘ru barcunu
Unchjati sunu d’u respiru tuju
E batti ccu na mana a ‘ri purtuni
Scantann a gente addurmisciuta a ‘u scuru
E rumurusu scinni nt’i cuscini
Trasi nt’i sonni i tutti li criaturi
E nesci fora subba li camini
Oppuri da li crespe de li muri
Vento vento va
Scarabocchiando con il fiato
Il cielo con le nuvole
Vento vento va
Cambiando rotta a tutto ciò che noi
Chiamiamo i pensieri
E i desideri
Propiziu ventu bussa a la mi’ porta
E spazza via duluri arraricati
Amuri juti e cosi di sta sorta
Occhj perduti, baci appassiunati
Propiziu ventu dint’a casa mia
Porta ‘a preghiera ‘e n’alitu sinceru
E pi chir’omo ca s’ha jutu via
Spegna d’u cori u caudu ‘e nu vraceru
Ventu ventu va
Scarabocchjannu cu ‘ru fiatu
‘U cielu chjno e nuvole
Ventu ventu va
Vento vento va
Cambiando rotta a tutto ciò che noi
Chiamiamo i pensieri
E i desideri
E i desideri
E i desideri.

I soliti accordi

Sì, vai! (Vado?) Vai, e percuotilo nell’ombra!
(E se le prendo io?) (Oh!) Chi è?
(Ma non dovevamo cantarla al matrimonio?)
E’ uguale. E in fondo alla strada (chi è che c’è?)
ci son tre ladroni (ah, vabbè) sembravano onesti,
sembravano buoni eran solo furboni.
Il primo contava, (Ma son tutti di mia moglie!)
il secondo sudava, (tra un ballo, una bionda e un panino)
il terzo spiegava, ma cosa spiegava, la rava e la fava!
Che storia è? E in fondo la storia (dai, spiegamela!)
è sempre la stessa (cosa ti avevo detto, io?)
c’è uno che grida, che grida e fa i versi da quella finestra.
Si cambiano i nomi, rimangon bastardi,
tu guarda alla radio, le solite facce, i soliti accordi.
(Quali accordi?) I soliti.
Do maggiore, la maggiore, la minore,
re minore, sol settima, re minore…
Do maggiore, la maggiore, re minore,
la minore, sol settima, si minore…
In mezzo alla strada Cosa c’è?
son tre coi forconi ah, vabbè
ma i piccoli ladri li impiccano sempre i grandi ladroni.
Il primo strillava tutti in girotondo,
Forza Italia! il secondo fa i conti mi scappa un plotone…
il tre licenziava, ma dopo spiegava la rava e la fava.
Do maggiore, la maggiore, la minore,
re minore, sol settima, re minore…
Do maggiore, la maggiore, re minore,
la minore, sol settima, si minore…
E sotto giù in strada sono in tre caporioni che cantan stonati,
ognuno davanti al suo bel karaoke!
Il primo cantava Come prima, più di prima
il secondo ballava l’avanzo di balera
il terzo applaudiva e l’ombra gridava “né rava né fava!”
(E allora?) E allora la storia (la storia cambia?)
non è più la stessa (ma cosa ti avevo detto, io?)
se un giovane grida, e grida e fa i nomi da una finestra.
E rischia la pelle perché i nomi son tanti (son tantissimi!)
guardare giù in fondo alle Pagine Gialle alla voce,
Bastardi! E allora? Do maggiore, la maggiore,
la minore, re minore, sol settima, re mi Re maggiore,
la minore, si minore, la minore, sol settima,
si minore. i soliti accordi, le solite facce,
(si minore diminuito) i soliti accordi,
(si minore maggioritario) le solite palle,
(si minore proporzionale) i soliti accordi,
(si minore referendario) le solite facce (hehehehe…)
Vai e torna vincitore. (libero stato in libero show!)
Ma cosa stai dicendo? (è un epilogo)
(… ma chi è che c’è nell’ombra?)
(non ho capito chi è che sta nell’ombra!)
domandare è lecito, rispondere è fantasia.
Capito? (Vabbè) La solita orchestra. I soliti accordi.

Quelli come noi

Figlio di figli di operai
La vita corre e non basta mai
E ricomincia qui
Come ogni lunedì ormai
Figlio di figli di operai
Diceva sempre mio padre a noi
Io più lavoro
E più i soldi non bastano mai
E mentre cambiavano i giorni miei
In poco tempo io mi ritrovai
Nel mondo degli avvoltoi senza accorgermi
E senza capire perché
Ma quelli come noi
Non hanno vinto mai
E hanno un cuore preso a botte
Dai potenti e dagli eroi
Ma sono gli occhi della gente
E la semplicità
E l’amore non è un gioco
Anche quando dura poco per noi
Figlio di figli di operai
Io vorrei essere come sei
Sincero ma chissà
Se paga poi l’onestà
E mia madre forte a crescere poi
Mille illusioni già dentro di lei
Ma tanto tu lo sai
La vita ti prende i figli e non sono più tuoi
Ma quelli come noi
Non hanno vinto mai
E hanno un cuore preso a botte
Dai potenti e dagli eroi
Ma sono gli occhi della gente
E la semplicità
E l’amore non è un gioco
Anche quando dura poco
Ma quelli come noi
Non vivono a metà
E hanno un treno per il mondo
Che un giorno partirà
Mani verso la speranza
Che li aiuterà
Cani sciolti dai guinzagli
Per le strade siamo figli di operai
Mani verso la speranza
Che li aiuterà
Cani sciolti dai guinzagli
Per le strade stanno quelli come noi.

Il mare calmo della sera

Non so
cosa sia la fedeltà
la ragione del mio canto
che resistere non può
ad un così dolce pianto
che mutò, l’amore mio
E se
anche il sorgere del sole
ci trovasse ancora insieme
per favore dimmi no
rende stupidi anche i saggi
l’amore, l’amore mio.
Se dentro l’anima
tu fossi musica
se il sole fosse dentro me
se fossi veramente
dentro l’anima mia
allora si che udir potrei
nel mio silenzio
il mare calmo della sera
Però
quell’immagine di te
così, persa nei miei occhi
mi portò la verità
ama quello che non ha
l’amore, l’amore mio.
Se dentro l’anima
tu fossi musica
se il sole fosse dentro me
se fossi veramente
dentro l’anima mia
allora si che udir potrei
il mare calmo della sera
nel mio silenzio
il mare calmo della sera.

Ricordi del cuore

Certi momenti
Quando ti senti sola
Manca il respiro
E senti un nodo alla gola
Pensi che forse dovevi restare
Ma niente da fare
Ti va bene così
Passano i mesi
E conti i giorni le ore
Gli incontri che hai fatto
Con le anime sole
Guardi lo specchio
E vedi se il tuo sorriso
Nasconde il dolore
Che c’è dentro di te
Sono i ricordi del cuore
Che ti fanno respirare
E ti ridanno calore
Ti rimettono su in piedi
E sanno tutti i segreti
Degli amori che tu
Hai già scordato
Per non farti male
Sono i ricordi del cuore
Che ti fanno innamorare
E ti riportano al sole
Ti rimettono su in piedi
E sanno tutti i segreti
Degli amori che tu
Hai già scordato
E non ricorderai più
Quando gli amici
Poi ti lasciano sola
Quelli con cui
Tu hai già diviso la gloria
Urli alla luna la disperazione
Dell’anima vuota
Che c’è dentro di te
Cambi la carta
Ai vecchi muri di casa
Sposti i divani
E togli le tende rosa
Guardi un po’ fuori
E ti accorgi che il tempo
Non ti ha mai ridato
Ciò che tu non vuoi più
Sono i ricordi del cuore
Che ti fanno respirare
E ti ridanno calore
Ti rimettono su in piedi
E sanno tutti i segreti
Degli amori che tu
Hai già scordato
Per non farti male
Sono i ricordi del cuore
Che ti fanno innamorare
E ti riportano al sole
Ti rimettono su in piedi
E sanno tutti i segreti
Degli amori che tu
Hai già scordato
E non ricorderai
Ti rimettono su in piedi
E sanno tutti i segreti
Degli amori che tu
Hai già scordato
E non ricorderai più.