Dove vai

Dove vai
con la testa
nel tuo cuore
il cuore
in testa a me
dove vai
grande amore
più leggero
io sono li con te
prima delle braccia
tue lo sai
prima delle braccia
tue lo sai
che gran vuoto abbracciai
il cielo era al suolo ormai
ora non c’è niente
che non c’è
questo poco è sicuro
fuori è il cielo e il cielo va
grandi mani
per tenerti accanto
più di tanto non ho
non ti limiterò
crescerò
questa mia vita tua
Dove vai dove vai
vattene piano
lasciami un segno così
sul petto
sulla guancia
che tu puoi
considerarli regni tuoi
dove vai dove vai
stammi vicino
prenditi quello che vuoi
la bocca
spinge forte i baci suoi
e vince fortemente noi
noi fra tanta gente
anima mia
stretto stretto
questo amore sia
indicibile si
noi umanamente qui
con quelle generose
ingenuità
che si perdono poi
stretto stretto
resti in noi
Dove vai dove vai
vattene piano
lasciami un segno così
sul petto
sulla guancia
tu che puoi
considerarci regni tuoi
Dove vai dove vai
niente dolore
niente parole ormai
l’amore
gioca con i tempi suoi
e vince fortemente noi
ora vai
con la testa nel tuo cuore
e il cuore in testa a me.

Ma che ne sai… (se non hai fatto piano bar)

Verso una cert’ora
Entra una pantera
Sta con lui ma guarda me
Che sto appiccicato al mio microfono
E dedico canzoni
La guardarobiera
Vende sigarette
Con nasino e tette in su
Tutti i fumatori che puntano
Si fanno le illusioni
E noi dalla pedana controlliamo
I movimenti aumm aumm
Finché diamo il cambio all’altra orchestra
Con la solita Blue Moon
Na che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
C’è la soubrettina
Tutta fondo schiena
Con accompagnatore doc
Da ogni parte sbucano i fotografi
A caccia di effusioni
Per mandare a casa
L’ultima coppietta
Attacchiamo un finto jazz
Che ha lo stesso effetto di un sonnifero
Con le improvvisazioni
Finalmente pagano, si alzano
E spariscono nel blu (nel blu)
E noi li salutiamo con la sigla
Che è la solita Blue Moon
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar
Ma che ne sai, ma che ne sai
Ma che ne sai se non hai fatto il pianobar.

E’ con te

E’ con te che voglio stare
è con te che voglio amare
è con te che voglio avere
è con te che penso sempre a noi
Noi che abbiamo un fuoco dentro che
Poi ci riscalda sempre
Noi disperati con la vita che
Scorre in fretta e corre
E a volte non è come tu la vuoi
Va dove ti porta il cuore e il sentimento
Le emozioni son racchiuse tutte lì
Non scappare non odiare non bruciarti
Non fuggire dalla nostra realtà
Soli e lune sopra noi nell’immenso
Nell’amore più profondo che c’è in me
Stropicciami di baci il cuore
Ti prego non lasciarlo mai
Ma va dove ti porterà
è con te che voglio andare
è con te che voglio osare
è con te che voglio urlare
E lo canterò a tutto il mondo
Noi che ci scopriamo piano piano
E sorridiamo al vento
E a questo amore se anche tu lo vuoi
Va dove ti porta il cuore e il sentimento
Le emozioni son racchiuse tutte li
Non scappare non odiare non bruciarti
Non fuggire dalla nostra realtà
Soli e lune sopra noi nell’immenso
Grande amore che a braccia aperte aspetterò.

Monica

Monica accende un’altra sigaretta
Ha troppi dubbi sparsi nella testa
Vuole capire il suo cuore
E non sa come fare
Due anni insieme con lo stesso uomo
Un uomo amato un sentimento vero
Ma a un tratto è giunto quell’altro
Ed in un attimo
Senza difese così
Un nuovo amore è nato già
Inaspettatamente le ha preso cuore e mente
Un nuovo amore è nato già
Non riesce a farlo appassire
Lo vuole già abbracciare
Ma perché si chiede
Perché ogni scelta in amore vuol dire un po’ morire
Ma perché si chiede
Perché non riesco a capire che sentimento spazzare via
E poi
Monica accende un’altra sigaretta
Ma a quei suoi dubbi vuole dire basta
Sto bene con il mio uomo, l’altro non è nessuno
Ma al suo profondo lei non riesce a mentire
Qualcosa è già cambiato nel suo cuore
Se quando vede quell’altro
Le sembra di tremare
Un nuovo amore è nato già
Inaspettatamente le ha preso cuore e mente
Un nuovo amore è nato già
Non riesce a farlo appassire
Lo vuole già abbracciare
Ma perché si chiede
Perché ogni scelta in amore vuol dire un po’ morire
Perché
Perché ogni scelta in amore significa soffrire
Un nuovo amore è nato già
Inaspettatamente le ha preso cuore e mente
Un nuovo amore è nato già
Non riesce a farlo appassire
Lo vuole già abbracciare, già abbracciare forte a sé
Ma perché Monica
Ma perché Monica
Ma perché Monica, Monica
Ma perché Monica, Monica
Monica spegne la sua sigaretta.

Finalmente tu

Cadono dall’orologio i battiti
e non finiscono
mi dividono
da quegli immensi attimi
rinchiusi nelle braccia tue.
Corrono manovre incomprensibili
che poi si perdono
nel telefono
quegli occhi tuoi invisibili
ancora più distante tu.
Ma tu dove sei
ogni giorno più difficile
il tempo senza te.
Ma tu tornerai
io posso già distinguere
più vicini ormai io sento i passi tuoi.
E poi finalmente tu
tirar tardi sotto casa
e di corsa sulle scale insieme a te
un minuto ancora e poi
uno sguardo tra di noi
voglio guardare addormentarsi gli occhi tuoi.
Corrono dell’orologio i battiti
che mi riportano
per un attimo
a ricordare i fremiti
irraggiungibile realtà.
Ma tu dove sei
ogni giorno più difficile
il tempo senza te.
Ma tu tornerai
io posso già distinguere
più vicini ormai io sento i passi tuoi.
E poi finalmente tu
tirar tardi sotto casa
e di corsa sulle scale insieme a te
un minuto ancora e poi
uno sguardo tra di noi
voglio guardare addormentarsi gli occhi tuoi.

Padre e padrone

Padre, padre
Dammi il pane quotidiano che mi spetta
E magari dammi retta
Guarda come sono ridotto
Padre, padre
Dammi il tempo dammi anche un po’ di rabbia
Per aprire questa gabbia
Che non vedo più domani
Padre, padre
Metti il sale sulla coda del padrone
Dammi un nome ed un cognome
Non riesco più a parlare
Questo mondo è troppo grande
Per guardarlo da lontano
Io che resto qui in mutande
Con i sogni nella mano
Con i sogni nella mano
Con i sogni nella mano
Con i sogni nella mano
Padre, padre
Dammi il fiato e la forza di sognare
Mischia il cielo con il mare
E non farmi più soffrire
Padre, padre
Dammi un padre che sia buono che sia vero
Non confonda bianco e nero
E che mi guardi con amore
Padre dammi
Anche una donna che sia madre che sia moglie
Dammi un figlio che sia maschio
Per non correr nessun rischio
Questo mondo è troppo grande
Per guardarlo da lontano
Io che resto qui in mutande
Con i sogni nella mano
Io che rido, io che piango
E che grido troppo piano
Io che resto qui nel fango
Con le mani nella mano
Con le mani nella mano
Padre, padre
Dammi un tetto che l’inverno è già vicino
Padre, padre dammi il vino
Che la notte passerà
Padre, padre
L’ho capito che stare la mondo costa caro
Ma dammi un posto di lavoro
E non voglio che sia nero
Padre, padre
Dammi un cuore che corra corra più veloce
E ti prego dammi voce
Per gridare un po’ più forte
Un po’ più forte, un po’ più forte
Padre che mi hai dato tutto
Che mi hai dato tutto quanto
Il padrone l’ha distrutto
M’è rimasto solo il pianto
Padre che mi dai la vita
Questa vita di due ore
Fa che sfugga dalle dita
Del padrone senza cuore
Del padrone senza cuore
Padre, padre
Dammi forza e un coraggio da leone
La vita non ha padrone
La vita non ha padrone
La vita non ha padrone
La vita non ha padrone.

Gente come noi

Quante volte si dicono parole
Che vorresti subito cancellare
E nascono barriere che non cadono più
Ferendo chi ci ama come hai fatto tu.
Quante volte anche i più grandi amori
Soffrono le pene di questi errori
E quante volte ci ci si perde così
In stupidi rancori per poi trovarsi soli
Gente come noi che non sta più insieme
Ma che come noi ancora si vuol bene
Amori unici ma tanto fragili
Storie vere
e senza fine
E’ così difficile perdonare
Chi ti ha fatto piangere e stare male
Ma c’è una vita sola e la vorrei con te
Con tutti i suoi problemi tutto quel che c’è ., ,
Gente come noi che non sta più insieme
Ma che come noi ancora si vuol bene
Amori unici ma così fragili
Storie vere che fanno male
A tutti quelli che credono all’amore
Ma spesso come noi son persone sole
Nel cuore stringono ricordi e brividi
Gente come noi che sogna ancora
La lontananza è peggio di una malattia
Se ami qualcuno che non c’è ,,
In nome dell’amore non buttarlo via ,,
Qualcuno ne morirà se non ritrova te , , ,
Ma che come noi ancora si vuol bene
Amori unici ma tanto fragili
Storie vere che fanno male
A tutti quelli che credono all’amore
Ma spesso come noi son persone sole
Nel cuore stringono ricordi e brividi
Gente come noi che sogna ancora , ,,
E’ gente come noi ,

Per amore

Io conosco la tua strada
Ogni passo che farai
Le tue ansie chiuse e i vuoti
Sassi che allontanerai
Senza mai pensare che
Come roccia ferma io ritorna in te
Io conosco i tuoi respiri
Tutto quello che non vuoi
Lo sai bene che non vivi
Riconoscerlo non puoi
E sarebbe come se
Questo cielo in fiamme
Ricadesse in te
Come scena su un attore
Per amore
Hai mai fatto niente
Solo per amore
Hai sfidato il vento e urlato mai
Diviso in cuore e sesso
Pagato e riscommesso
Dietro questa mania
Che resta solo mia
Per amore hai mai corso senza fiato
Per amore
Perso e ricominciato
E devi dirlo adesso
Quanto di te ci hai messo
Quanto hai creduto tu
In questa bugia
E sarebbe come se
Questo fiume in piena
Risalisse a me
Come china da un pittore
Per amore
Hai mai speso tutto quanto la ragione
Il tuo orgoglio fino al pianto
Lo sai stasera resto
Non ho nessun pretesto
Soltanto una mania
Che è ancora forte e mia
Dentro quest’anima che strappi via
E devi dirlo adesso
Sincero con te stesso
Quanto ti costa questa eutanasia
E sarebbe come se
Tutto questo mare
Annegasse in me.

Giovane vecchio cuore

Forse sarò così, una donna sola in qualche ristorante
io che ne ho amati pochi e conosciuti tanti
che ancora adesso la memoria si spezza
e si ferma anche il cuore
pensando a che fantastico profumo
è una pelle con un buon odore
forse sarò così, ma non lo posso sapere, forse sarò così.
Forse sarò così o non avrò nemmeno il tempo di invecchiare
per poi non ricordarmi quasi più che cosa andavo a cercare
che forse era qualcosa di bello che è andato via in un ora
ed è strano, proprio strano dirlo adesso, mentre lo cerco ancora
forse sarò così, ma non lo posso sapere, forse sarò così.

Lo guardo in faccia questo tempo
che si muove svelto fuori e lento dentro di me
che per quanti danni ha fatto
non ha spento il mio sorriso
non ha scelto da sé
che se mi ha messo le mani addosso
lo ha fatto senza dolore
io ti capisco e non ti tradisco
povero stupido giovane vecchio cuore
io ti nascondo nel mio profondo
povero stupido giovane vecchio cuore
e quando non starò più qui a stropicciare questi panni
io sarò andata via così, che ancora avevo diciassette anni.

Forse sarò così, seduta a riposare su un gradino delle scale
pensando come sempre dentro me che c’era il trucco e non vale
e in quale buffa capriola saprò se è stato un viaggio o una gita
ma fino a quel momento ci sarò, perché ci sarà vita
forse sarò così, ma non lo posso sapere
forse sarò così…e allora stiamo a vedere.

Più di così

Dove sei
Grande amore
Di questi anni miei
Eravamo sicuri di noi
Non possiamo lasciarci così
Dove vai
Con un cuore più pazzo di te
Dove non c’è più posto per me
C’è una folla di amici e di amori
Un po’ più facili
Non durano che un attimo
Ma io no
Io non sono mai stata così
Io ti voglio per sempre lo sai
Voglio vivere nella tua isola
E gli altri no
Non contano per me
Più di così
Non si può vivere un amore
Insieme a te anche per morire
E cavalcare l’infinito
Senza voltarsi mai
Più di così
Che posso dirti in un minuto
Non basterà tutta la vita
Mi manca sempre il tuo sorriso
Manca qualcosa di te
Ma più di così
Più di così, più di così
Dove sei
Grande amore
Di questi anni miei
Mi hai insegnato l’amore cos’è
Ma so farlo soltanto con te
Dove sei
Con quegli occhi
Sognanti che hai
Mi dicevi non finirà mai
Mi stringevi
Noi due siamo gli unici
A non perdersi
In un mondo senza amore ormai
Dove vai
Con il cuore così in avaria
Ora che non c’è posto per me
Io mi perdo nell’alta marea
Più di così
Non si può vivere un amore
Insieme a te anche per morire
E cavalcare l’infinito
Senza voltarsi mai
Più di così
Che posso dirti in un minuto
Non basterà tutta la vita
Mi manca sempre una parola
Mi manca tutto di te
Ma più di così
Più di così, più di così.