Un po’ di te

Oggi cerco un amico che venga
A raccontarmi chi sono e perché
Non ho niente di me
Ma so che sono me stesso se piango
Sulla mia moto dove adesso c’è
Troppo spazio per me
Non basta sognarti appoggiata ancora a me
E riaprire poi gli occhi
Per scoprire che
C’è ancora nell’aria un po’ di te
E stanotte proverò
A cercare in quel che ho
Qualche cosa che abbia un senso
Ma se poi ti penso
Volo, porto il vento dentro me
E gli parlerò di te
Per non essere più solo, volo
Sali, se vuoi ti accompagno, più avanti
Ma dimmi se è un caso incontrarti così
O mi aspettavi già qui
Non basta sentirti abbracciata ancora a me
Voglio il tempo per dirti
Che il mondo per me
è avere addosso un po’ di te
Questa volta non lo so
A che strada affiderò
Questa notte senza senso
Ma se poi ti penso
Volo, porto il vento dentro me
E gli parlerò di te
Per non essere più solo
Mai più solo, volo.

Un porto nel vento

Io volevo ogni cosa
Chiedevo sempre di più
Ho sbagliato molto e
E ti ho perduto
Chiudo gli occhi e mi spengo
Per non pensare più a te
Sotto il soffitto mi stendo
Chissà se esiste e dov’è
Un porto nel vento
Un posto per me
Che in questo momento
Sono senza di te
Del tuo corpo nel buio
Delle labbra che hai
Ti vedo anche sul muro
Come sei bella
Non te l’ho detto mai
Non te l’ho detto mai
Io col tuo mondo non c’entro
Non ti capirò mai
Ma se ti penso ti ho dentro
E mi fa male
Come i fari di notte
E i neon della città
Anch’io adesso mi spengo
Chissà se poi ci sarà
Un porto nel vento
Un posto per me
Che sto quasi morendo
Dalla voglia di te
Del tuo corpo nel buio
Delle labbra che hai
Non c’è più in giro nessuno
Ma tu dovunque sarai
Ti porto nel vento
Ti porto con me
Ti tengo qua dentro
Come sei bella
Come sei bella
Come sei bella
Non te l’ho detto mai.

Come il sole

Sai ancora non so
Se vorrai cercarmi quando non ci sarò
E se mai riuscirò a trovare
Un posto dentro ai sogni tuoi
Ma camminando fino al centro del cuore
Per scoprire ancora quello che c’è
Ascolto piano il tempo delle parole
Inventarne sempre nuove per te
Tu sei come il sole per me
Ragione non c’è
Se ci possiamo respirare oramai
Tu sei come il sole perché
Cammini con me
In questo immenso spazio
Denso d’amore che c’è
Tu non buttar via
Tutti i miei pensieri
E questa ingenua follia
Sai io ti vorrei
Portare su una nuvola capire chi sei
In quei silenzi
Dentro i miei sguardi assenti
C’è qualcosa ancora e
Sempre per te
Cerco di stare
Non riuscire a parlare
Per poi dirti tutto questo perché
Tu sei come il sole per me
Ragione non c’è
Se ci possiamo respirare oramai
Tu sei come il sole perché
Cammini con me
In questo immenso spazio
Denso d’amore
Non seguo il senso dei pensieri ma
L’istinto che mi porta dove sarai
Mi dice che questo sole per me
Scalderà così per sempre
Tu sei come il sole perché
Cammini con me
In questo immenso spazio
Denso d’amore che c’è
Sai ancora non so
Se vorrai cercarmi quando non ci sarò
Se mai riuscirò a trovare un posto
Dentro ai sogni tuoi.

Sempre

La tenerezza, la nostalgia Il rimpianto, la poesia
Quante cose sei questa sera tu
Che sei lontano e non mi pensi più
Sono malata ormai
Ma non m’importa di guarire sai
É il dolore più sublime
Quello che mi fa soffrire
Sempre, sempre
Quasi fino a diventare niente
Continuando a ripetere
Le parole di una scena che
É la stessa da
Sempre, sempre
Quasi fino a diventare niente
Solo amore se amore è
Questo buio a cui non ci si abitua
Questa luce nell’anima
Che nessuno può comprendere
All’infuori di te
Ti scrivo da una camera
Nella semioscurità
Da qui posso commuovermi di nascosto al mondo
Al quale ormai mi sento estranea nel profondo
L’immenso e il suo contrario
Sono luoghi del mio cuore
E sei tu ora quel mare
Da cui mi lascio trasportare
Sempre, sempre
Quasi fino a diventare niente
Solo amore se amore è
Questo buio a cui non ci si abitua
Questa luce nell’anima Che ancora splende
Sempre, sempre
Fino a farmi diventare niente
Fino a farmi diventare niente…
Questa luce nell’anima
Che nessuno può comprendere
All’infuori di te.

Compagna segreta

Costretti al nascondiglio
Due ombre nella notte
Tra incroci disperati
Così desiderati
Sul legno di un parquet
Bagnato da una festa
Battuto da una danza
Col culo nella testa
Aspetto te
Compagna segreta
Aspetto te
Io sogno una notte di calma riempita
In una luce di luna assopita
è come avere fame
E sentire odore di pane
è come aspettare un segno dalla vita
Aspetto te
Compagna segreta
Aspetto te
Tira via le stelle se
Questa notte non sarai con me
Anche quelle belle che
Brilleranno soltanto per te
Noi conosciamo i tempi
I segnali da seguire
Ma non arriva mai
Il tempo di impazzire
Stanotte ci annusiamo
Soltanto da lontano
E aspetto te
Compagna segreta
E aspetto te
Tira via le stelle se
Questa notte non sarai con me
Anche quelle belle che
Brilleranno soltanto per te
Tira via le stelle se
Questa notte non sarai con me.

Senza confini

Lo senti come tira il vento
Che quasi non ci fa dormire
E l’anima che brucia dentro
Dammi un segnale fatti sentire
Ma è di te che io ho bisogno
E non ti sento
è l’amore che ci fa cambiare idea
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore
E nessun santo
Se adesso piango mi salverà
Noi navighiamo
Noi transitiamo col cuore a galla
Esca per pesci
Se poi scoperti ci tiran su
In una foto i tuoi occhi belli
Tenuti stretti fra le mie dita
Guardano il mondo così lontano
Da farlo stare tutto in una mano
E un pubblico di stelle sorride
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore
E nessun santo
Se adesso piango mi salverà
Noi navighiamo
Noi transitiamo col cuore a galla
Esca per pesci
Se poi scoperti ci tiran su
Ma è di te che io ho bisogno
E non ti sento
è l’amore che ci fa cambiare idea
è di che io ho bisogno e non ti sento
è l’amore che ci fa cambiare
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore
Liberi pesci
Ma con le ali io e te
Volati in alto
Posati dove si può sperare
Ricominciare senza confini io e te
Ti scrivo amore
Ti scrivo amore perduto amore.

Con il naso in su

Pensa al mondo un po’ migliore di come adesso è
Con più gioia e più amore fra la gente
Senza guerre, né barriere, con meno ipocrisie
Dove i sogni e le speranza non sono più utopie
Io sto parlando per me, tu neanche mi ascolterai
Ma c’è bisogno di te, di pace dentro di noi
Siamo barche in mezzo al mare che non si muovono
Ma alle volte le onde e il vento un po’ ci spingono
Io ho sognato di bambini con il naso in su
A giocare nei cortili, fra loro c’eri tu
Ma c’è bisogno di te, tu forse questo lo sai
Così bisogno di te e di più amore per noi
Perché ho bisogno di te, tu forse mi sentirai
Così bisogno di te, di pace dentro di noi
Perché ho bisogno di te, tu forse questo lo sai
Così bisogno di te, di pace dentro di noi
Per noi, per noi, di pace dentro di noi
Per noi, per noi, e di più amore per noi
Per noi, per noi, di pace dentro di noi.

Senza te o con te

Cerco sulla radio la mia “onda del cuore”
gioco col mio gatto per sentire rumore,
sono solo attimi… proprio difficili.
Sola in questa stanza grigia senza colori.
Laura sta cantando “storie di strani amori”
sono solo attimi… proprio difficili.
Ti cerco nei miei mille pensieri ricordi com’eri
ti perdo e non ti ho avuto mai.
Senza te sento che la mia vita, è difficile,
ma non è finita in salita, lo so penso che ce la farò
senza te o con te io colerò.
Senza te sento che la mia vita,
è difficile, ma non è finita.
qualche cosa farò anche se poi sbaglierò,
senza te io volerò.
Poi mi viene in mente una fotografia,
immagini sbiadite della nostra allegria,
sono solo attimi… proprio difficili.
Ti cerco nei miei mille pensieri,
ricordi com’eri, ti perdo e non ti ho avuto mai.
Senza te sento che la mia vita, è difficile,
ma non è finita, in salita,
lo so penso che ce la farò senza te o con te io volerò.
Qualche cosa farò, anche se poi sbaglierò,
senza te o con te io volerò,
senza te… o con te.

Dimmi dov’è la strada per il Paradiso

Ecco qui come vedi
Quanto tempo è passato che vuoi che ti spieghi
Siamo qui a pregare
Che qualcosa di buono ci possa calmare
Ecco qui sempre uguale
Una ruota che gira e non vuole frenare
E noi distanti
Forse troppo occupati a tenere coi denti
Ecco qui non la senti
è la solita storia vecchi argomenti
E noi disperati
Ormai senza più voce ormai dimenticati
Ecco qui come prima
è una corsa per pochi a restare in vetrina
E noi più lontani
A tenerci nascosta dentro le mani
Questa vita che va
Questo tempo che non si dimentica
Questa rabbia che non passerà
Dimmi dov’è, dov’è la strada per il paradiso
Dimmi dov’è, dov’è, dov’è che sta
Dimmi dov’è, dov’è la strada per il paradiso
Dimmi dov’è, dov’è, dov’è che sta
Ecco qui cosa credi
è un’inutile farsa tutto quello che vedi
E noi ormai stanchi
A dividere il tempo tra andate e ritorni
Ecco qui come sempre
A salvare la pelle è la solita gente
E noi forse fino alla fine
A mangiarci le dita a provare a capire
Questa vita che va
Questo cielo ormai senza colore
Questa noia che ci ucciderà
Dimmi dov’è, dov’è la strada per il paradiso
Dimmi dov’è, dov’è, dov’è che sta
Dimmi dov’è, dov’è la strada per il paradiso
Dimmi dov’è, dov’è, dov’è che sta
E allora dimmelo, dimmelo, dimmelo
Dov’è dimmi dov’è
Il paradiso dimmi dov’è
Dov’è dimmi dov’è
Il paradiso dimmi dov’è
Dov’è la strada per il paradiso
Dimmi dov’è, dov’è, dov’è che sta
Dimmi dov’è, dov’è la strada per il paradiso
Dimmi dov’è, dov’è, dov’è che sta
Dimmi, dimmi dov’è
Dimmi, dimmi dov’è
Il paradiso, il paradiso, il paradiso
Dimmi, dimmi dov’è
Il paradiso.

Siamo noi

Siamo questo piccolo esercito di poca ventura
Siamo noi sulla via da percorrere che attraversa pianura
Siamo noi questa pioggia leggera e l’imprevista stagione
Sempre noi così esposti all’amore conoscendone il nome
Noi col poco talento rimasto
Noi che abbiamo vissuto del resto
Ci toglieremo questo pianto dagli occhi
E più forte dal cuore
Impareremo a capirne il momento
E a comprendere il dolore
Con quel suo modo che ha spesso improvviso di arrivare
Per noi piccoli e attenti soldati che non avranno a temere
Ci troveremo col sole negli occhi e più forte sul cuore
Impareremo ad amare l’istante e a limitarne il dolore
Con quel suo modo che ha spesso improvviso di arrivare
Per noi piccoli e attenti soldati che non avranno a temere
Siamo noi questo piccolo esercito di diversa dimora
Siamo noi sulla via da riprendere che è passata la sera
Siamo noi il vento sottile
Nostra linea di difesa
Nostro intrepido andare all’amore
Questa nostra impossibile resa
Noi col poco talento riposto
Noi che abbiamo cercato del resto
Ci porteremo questa voce alle labbra
E più forte al cuore
Impareremo a capirne il momento
E a comprendere il dolore
Con quel suo modo che ha spesso improvviso di arrivare
Per noi piccoli e attenti soldati che non avranno a temere
Ci troveremo col canto alla bocca
E più forte al cuore
Impareremo a capirne il momento
E a comprendere il dolore
Con quel suo modo che ha spesso improvviso di arrivare
Per noi piccoli e attenti soldati che non avranno a temere
Per noi piccoli e attenti soldati che vanno all’amore.