Il mare immenso

A volte io vorrei arrivare in cima ai tuoi segnali
per intuire tutti i sensi unici
a volte o quasi sempre io mi perdo nella notte
decido poi di scivolarti addosso
e cancellare tutto e niente mi appartiene
ma c’è qualcosa dentro che mi morde l’anima
L’amore che distrugge come cielo a fulmine
il nostro cuore fuorilegge
spara colpi di dolore
è troppo tempo che non si fa più l’amore
non scorre il sangue dentro al fiume
che ci portava verso il mare, quel mare immenso
adesso non mi pento più e rimango qui da sola
dipingo la memoria alle pareti
lo so che quasi sempre io dimenticavo il senso
non respiravo venti più leggeri
è scivolato tutto e niente ti appartiene
ma c’è qualcosa dentro che mi brucia l’anima
L’amore che distrugge come cielo a fulmine
il nostro cuore fuorilegge
spara colpi di dolore
è troppo tempo che non si fa più l’amore
non scorre il sangue dentro al fiume
che ci portava verso il mare
immenso
Come radici agli alberi d’inverno, senza più foglie
quel mare dentro
che spegne e annega ogni tormento mi toglie il fiato
Ma poi ancora respiro
Senza più fiamme
è troppo tempo che non si fa più l’amore
non scorre il sangue dentro al fiume
che ci portava verso il mare, quel mare immenso…

Bastardo

C’è una ragione di più
l’hai detto
ma che bravo
ma questa parte di te
davvero la ignoravo
non me l’aspettavo davvero
è come bere il più potente veleno
è amaro
non recuperare ti prego
tanto più parli e ancora meno ti credo
peccato
lascia al silenzio la sua verità
aspetta
voglio dirti quello che sento
farti morire nello stesso momento
bastardo
voglio affrontarti senza fare un lamento
voglio bruciarti con il fuoco che ho dentro
per poi vederti cenere bastardo
far soffiare su di te il vento
io spezzata in due dal dolore
mentre ti amavo tu facevi l’amore
per gioco
lasciami sognare la vita
l’hai detto tu quando è finita è finita
io vado
chissà se un giorno poi mi passerà
la rabbia che porto nel cuore
voglio dirti quello che sento
farti morire nello stesso momento
bastardo vedere gli occhi tuoi in un mare profondo
farti affogare nei singhiozzi del pianto
e spingerti sempre più giù bastardo
ma purtroppo tocca a me
soffrire gridare morire
tu hai preso senza dare mai
noi la cosa che non vuoi
maledetto sporco amore…
voglio dirti quello che sento
farti morire nello stesso momento
bastardo
e poi vederti cenere
bastardo
ma purtroppo tocca a me
soffrire
gridare
ti amo bastardo

Io confesso

lo so di aver sbagliato, e sono qui
ma chi non sbaglia mai?
lo so di aver tradito
ma tradire poi cos’è?
non credo nel peccato, amore mio
perché non credo in dio
ho una frase sopra un muro
quando l’ho scritta non lo so
posso resistere a tutto
ma alle tentazioni no
ma chiamerai il mio nome
lo so che lo farai
non c’è nessun altro mondo
così vicino a te
che è così uguale a me
e un’altra possibilità
io la voglio
non posso farne a meno del tuo amore, impazzirei
ma perdermi tra i sensi, mi divora
e io non cambio mai
ma chiamerai il mio nome
lo so che lo farai
non c’è nessun altro mondo
così vicino a te
che è così uguale a me
e un’altra possibilità
io la voglio

Fino in fondo

Voglio solo un po’ di pace fare quello che mi va
non avere niente intorno solo una candela accesa
e guardarti in fondo agli occhi
e con gli occhi attraversarti piano
voglio spegnere il rumore disarmare la mia mente
e lasciare fuori il mondo fino a quasi non sentirlo
e non cercare sempre un senso a tutto quello che facciamo
e andare su su su nel cielo
giù giù giù nel mare
su su su nel sole
giù giù giù in fondo al cuore
voglio prendermi il mio tempo non disperderlo così
sempre dietro a qualche cosa che non serve poi davvero
e respirare il tuo respiro fino a sentirmi vivo dentro
e andare su su su nel cielo
giù giù giù nel mare
su su su nel sole
giù giù giù senza più dolore dolore
non mi dire che non hai mai sentito la tristezza
che non torni poi felice basta solo una carezza
e andare su su su nel cielo
giù giù giù nel mare
su su su nel sole
giù giù giù fino in fondo al cuore
fino in fondo al cuore fino in fondo al cuore
voglio solo un po’ di pace fare quello che mi va
non avere niente intorno solo una candela accesa
voglio spegnere il rumore disarmare la mia mente
e respirare il tuo respiro fino a sentirmi vivo
su su su nel cielo
giù giù giù nel mare
su su su nel sole
giù giù giù senza più dolore
sei un’isola (giù nel mare)
un deserto (nel cielo)
una stella (su nel sole) in un cielo sempre aperto
un’isola (giù nel mare)
un deserto (fare quello che mi va)
una stella in un cielo sempre aperto
un’isola

Come pioggia

Quando crederai che tutto sia
come pioggia che porta via
via pensieri di errori e poi
fino al buio che vive dentro noi
tu con me
arriverai a sentirti più forte perché
da ogni lacrima rinascerai
come pioggia che scivola via
forse sentirai solo qua
la scia del temporale che vive dentro
un arcobaleno sono qui qui vicino
ma non pensare che io non rida mai
tu con me
arriverai a sentirti più forte perché
da ogni lacrima rinascerai
come pioggia che scivola via
via via da qui
siamo noi che possiamo cambiare colore
via restami vicino
ridi piano lascia tutto e riparti da qui
arriverai a sentirti più forte perché
da ogni lacrima rinascerai
come pioggia che scivola via
via…
arriverai a sentirti più forte perché
da ogni lacrima rinascerai
come pioggia che scivola via

Un pezzo d’estate

So, anche quello che non vedo so
certe cose al buio
non si spiegano
so, anche quello che non sento so
gli occhi più lontani
ma ci vedono
so, che non mi ha ascoltato neanche un po’
certe notti passano ma segnano
so, che ti sembra così strano so
certe cose poi si sentono
sei tu che togli a te un pezzo dell’estate
un po’ tradisci me,
un po’ tutte le tue giornate
sei tu che togli a te
il bello dell’estate
tradisci pure te
il tuo sorriso stupido
ora so
ma non importa no
non conta neanche un po’
fa male solo un po’
ora so
so il valore che all’amore do
quello che mi dai non so che farmene
so, dell’amore che mi merito
quello che dai tu
sono briciole
sei tu che togli a te un pezzo dell’estate
un po’ tradisci me,
un po’ tutte le tue giornate
sei tu che togli a te il bello dell’estate
tradisci pure te
il tuo sorriso stupido
ora so
so anche quello che non dici so
certe verità si riconoscono
so, non mi chiedere come lo so
chiedilo a te poi
rivestiti
sei tu che togli a te un pezzo dell’estate
un po’ tradisci me,
un po’ tutte le tue giornate
sei tu che togli a te il bello dell’estate
tradisci pure te
il tuo sorriso stupido
sei tu che togli a te un pezzo dell’estate
un po’ tradisci me,
un po’ tutte le tue giornate
sei tu che togli a te il bello dell’estate
tradisci pure te
il tuo sorriso stupido
ora so

Il sole dentro

Sei il sole dentro me che mi fa splendere
quando luce non c’è il nostro è amore un fuoco inestinguibile
in un mondo freddo buio e fragile
inesauribile la mia voglia di te
di tutto quel che sei la spinta incontrollabile
che mi fa superare le più cupe nuvole
ogni tua parola
porta dentro una canzone
vera melodia piena d’armonia
nettare di un fiore rende dolce il tuo sapore
per scienza o per magia qualunque cosa sia
sei il sole dentro me che mi fa splendere
quando luce non c’è e ciò che sento è un fuoco inestinguibile
in un mondo freddo buio e fragile
inesauribile da ovest fino ad est
la mia voglia di te la spinta incontrollabile
che mi fa superare le più cupe nuvole
passano le mode e le rivoluzioni
dei poeti restan sogni ed illusioni
tu sei tutti i 5 sensi del presente
tra chi non ascolta e chi non sente niente
lei è il sole dentro me che mi fa splendere
quando luce non c’è il nostro amore è un fuoco inestinguibile
in un mondo freddo buio e fragile
non esistono parole per descrivere la sensazione che scateni dentro me
sfiora l’incredibile
ciò che fino a ieri era impossibile
diventa all’improvviso raggiungibile per me
la pioggia dell’autunno non farà spegnere il fuoco,
con la neve dell’inverno il suo chiarore si fa fioco,
la primavera ci risveglia poco a poco,
l’estate ricomincia il nostro gioco.
sei il sole dentro me che mi fa splendere
quando luce non c’è il nostro è amore un fuoco inestinguibile
in un mondo freddo buio e fragile
inesauribile la mia voglia di te
di tutto quel che sei la spinta incontrollabile
che mi fa camminare un metro dalle nuvole

Mi rubi l’amore

Mi rubi l’amore mi lasci il tuo sapore
e dopo te ne vai
il destino ci ha fatto incontrare uno sguardo avvicinare
e già eravamo complici
un messaggio una prima parola e l’anima che vola
tra gelo e distese immense
ma tu non riesci ancora a fare la tua scelta
non sai difenderti dai ritorni del passato…
mi rubi l’amore mi lasci il tuo sapore
e dopo te ne vai
ti prendi l’amore io non ti so fermare per quanto bella sei
ogni volta che siamo vicini sento il suono di due cuori
che battono all’unisono
i tuoi occhi non sanno mentire
basta poco per capire
che quello che non puoi negare
tu sei prigioniera del tuo orgoglio
comincio a credere che non vuoi stare meglio
mi rubi l’amore mi lasci il tuo sapore
e dopo te ne vai
ti prendi l’amore io non ti so fermare per quanto bella sei
ti voglio sempre sai
ti voglio sempre ormai
ti voglio adesso e sempre
e non so più come fare
mi rubi l’amore mi lasci il tuo sapore
e dopo te ne vai
mi rubi l’amore mi lasci il tuo sapore
e dopo te ne vai
mi rubi l’amore

Tra tegole e cielo

Prima di abitare nel mondo penso che
stavo dentro un suono profondo anche se
tra tegole e cielo non c’era armonia
basta un minuto per una magia
ogni cosa ha un senso e per ognuno sarà
lo specchio la risposta per chi prende e chi dà
tra tegole e cielo è più o meno com’era
ma non ho mai chiesto perché
dove sei dove sei dove sei
penultima fila in quell’inverno lungo che
venne la neve leggera e assordante
sul vetro appannato a dipingere un età
dove sei dove sei dove sei
restavi in silenzio dietro “scudi??” per
difendere il mondo che volevi e vorrei
ma il mondo non ti ha mai difeso
e adesso dove sei
c’è un confine un muro e ci pensiamo di là
attori e passeggeri sopra un treno che va
per mille stazioni chi scende chi spera
tra mille sguardi ma tu
dove sei dove sei dove sei
penultima fila ma l’inverno è andato via
sarà che oggi piove sarà per me
cercarti ha sempre senso
trovarti anche un momento
per dirti che non muore niente
se vuoi farlo vivere
per me sei
non sarà che oggi piove
domani chissà
se accanto avrò un ricordo
o un colore di un età
prima di abitare nel mondo penso che
stavo dentro un suono profondo anche se

Fuoco e cenere

Spengo riaccendo mi giro e poi riguardo intorno,
svengo riprendo i sensi quando vieni giorno
petali di vita sfoglio sopra in tempo ora che è finita me ne rendo conto;
ora che le mie mani cercano il tuo viso
corre e stringe le emozioni in un istante
vola quel desiderio vivo ed accecante
adesso che senza te io non respiro più.
ed è così che tu vivi dentro me come fuoco e cenere come tutto e niente
come il bene e il male male da morire
sii perché bruci dentro me come fuoco e cenere come vento e polvere mi porti via un sogno pieno di poesia.
Guardo la gente le sfide di ogni giorno
sguardo assente insegue il tuo ritorno
ma non riesco a credere che non sei qui con me.
ed è così che tu vivi dentro me come fuoco e cenere come tutto e niente
come il bene e il male male da morire
si perché bruci dentro me come fuoco e cenere come vento e polvere mi porti via un sogno di poesia.
ho paura di non farcela ma c’è un qualcosa in me nella forza dell’amore
urlerò il tuo nome al cielo viaggerò come un fiume in piena per sconfiggere il tuo addio.
ed è così che tu vivi dentro me come fuoco e cenere come tutto e niente
come il bene e il male male da morire
sì perché bruci dentro me come fuoco e cenere come vento e polvere mi porti via un sogno di poesia
si perché bruci dentro me come fuoco e cenere come vento e polvere mi porti via un sogno pieno di poesia.